Mark Hoppus promette un nuovo album dei blink-182 'bizzarro'

'Abbiamo deciso che è tempo di tornare in studio e di fare quello che facciamo', ha detto a MTV News.

Mark Hoppus ha sentito tutte le chiacchiere sul fatto che l'album dei Blink-182 non esca prima del 2011 ed è determinato a fare in modo che non accada.

Tutto è iniziato all'inizio di questa settimana quando ha cinguettato: "Il 2011 è troppo lontano. Farò tutto quello che possono per avere un album dei blink-182 nel 2010". E quando MTV News lo ha incontrato giovedì sera a Los Angeles, ha spiegato come intende finire l'album, che è in costruzione da più di un anno. Ha spiegato che il primo passo è quello di essere tutti assieme nella stessa stanza.

"Abbiamo scritto un po' prima di fare questo tour, poi siamo tornati a casa e abbiamo deciso di prenderci un paio di mesi per rilassarci e fare le altre cose, per poi tornare assieme all'inizio dell'anno", ha detto Hoppus. "E adesso è quasi febbraio, abbiamo deciso che è tempo di tornare in studio e di fare quello che facciamo. Quindi questo è il piano: torniamo assieme e ci mettiamo a lavorare".

Sembra abbastanza semplice. Ma quando i Blink si riuniranno nuovamente in studio, come saranno le loro nuove canzoni? Abbiamo già sentito Tom DeLonge descrivere le nuove canzoni dei Blink come "ambiziose" e "il lavoro della nostra vita", ma, per ora, lo abbiamo sentito molte volte dire cose come queste. Quindi abbiamo chiesto a Hoppus di rispondere.

"Sicuramente vogliamo provare a fare un po' di cose diverse. Penso che continuerà ad essere come i Blink. Penso che continuerà ad essere orecchiabile. Penso che continuerà a fare schifo, ma vogliamo essere bizzarri in questo disco", ha detto. "Ecco qui la citazione per attirare i lettori: Mark Hoppus ha detto che 'Vogliamo essere bizzarri in questo disco'".

Ma da dove arriverà questa rinascita bizzarra? Beh, apparentemente da quasi tutto.

"Tutti noi ascoltiamo molte cose differenti. Tom è molto appassionato dello stadium rock degli anni '80; gruppi rock giganteschi e monumentali degli anni '80. Travis è musicalmente dappertutto e arriva sempre con le parti ritmiche e di batteria senza limiti che non mi sarei mai immaginato", ha detto Hoppus. "E abbiamo ascoltato molto indie rock bizzarro. Quindi tra qualcosa tra ritmi hip-hop fantastici, stadium rock e indie rock troverete i Blink".

E mentre proverà con molto impegno ad avere il seguito dell'album dei Blink del 2003 nei negozi entro quest'anno, Hoppus spera anche che i fan siano pazienti. Dopo tutto vogliono che sia l'album delle loro vite. E solo perché ogni componente dei Blink lavora anche ad altri progetti — gli Angels & Airwaves di DeLonge faranno uscire il loro terzo album, Love, il 14 febbraio; Barker sta lavorando ad un album da solista; e Hoppus ha prodotto l'album dei Motion City Soundtrack, My Dinosaur Life, che è uscito la scorsa settimana — non significa che i Blink non siano ancora la loro priorità.

"Penso che tutto quello su cui lavoriamo al di fuori dei Blink ritorna nei Blink. Ed essere impegnati in tutti questi progetti ci permette di uscire, provare cose diverse e portare queste idee a casa per fare quello che facciamo tutti i giorni. E penso che sia una cosa molto positiva", ha detto Hoppus. "So che è confusionario per la gente, perché tutti pensano 'Tom sta facendo questo, Travis sta facendo quello e Mark produce... perché non si concentrano sui Blink?' Ma penso che la gente debba capire che questo è come ci concentriamo sui Blink. Usciamo, riportiamo indietro le idee, ci ispiriamo agli altri artisti e a tutte le persone con cui lavoriamo e poi, quando torniamo nei Blink, siamo aiutati da queste esperienze".
- MTV.com

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus