Il lato positivo di una vita orribile: Travis Barker si confida nella sua biografia

Travis Barker è stato intervistato da John Chattman per A-Sides e parlando della sua biografia Can I Say ha raccontato di come il suo libro abbia aiutato lui e i fan, dei suoi 40 anni, del nuovo album dei blink-182 e del potere della musica.

La prima ovvia domanda: perché hai deciso di sederti e di scrivere questo libro in questo momento?
Non ho mai veramente parlato dell’incidente. Ricordo che quando è successo tutti mi chiedevano di farlo. Pensavo: “Ehi, amico, non posso semplicemente parlarne da Larry King o Oprah”. Per me, avrei strillato o fatto qualcosa di pazzesco. Non riesco neanche a pensarci senza piangere. Un paio di anni fa ho smesso di fare interviste, perché l’incidente o Adam venivano sempre menzionati da alcuni giornalisti. Alla fine ho pensato: “Vaffanculo, non farò più interviste”. Quando è arrivata l’idea del libro, l’ho considerata e ho incontrato diverse persone. Con Gavin, mi sono reso conto che doveva farlo lui. Era venuto con noi (Blink 182) in Iraq e ha scritto molto di noi. Ci conosceva e mi conosceva. Sembrava la persona perfetta. L’ho contattato e ci siamo seduti. Il resto è storia.
Andare in tour con una band e andare in giro a presentare un libro sono due cose completamente diverse. Raccontami come sia bello stare vicino ai fan e come si siano immedesimati con il libro.
C’erano degli eventi con circa 600 ragazzi. Si sono avvicinati e qualcuno mi ha detto: “Guarda, ho pensato di suicidarmi negli ultimi due anni. Ho smesso di tagliarmi due settimane fa dopo aver letto il tuo libro”. C’era gente che è venuta e mi ha detto: “Sono sobrio da tre mesi”. Tantissime storie come queste... È stato incredibile connettersi con i fan. È stato personale e naturale — qualcosa di molto più intimo.
Ovviamente hai aiutato molte persone. Immagino che questo libro abbia aiutato anche te.
Non avrei potuto scriverlo se fossi stato strafatto, con pensieri suicidi o al centro ustionati. È buono come può essere. Scrivere questo libro è stato terapeutico. Un risultato brillante è arrivato da tutto ciò che era orribile nella mia vita. Ho parlato della morte di mia mamma e dell’essere stato forte da giovane, degli amici che ho perso, dell’incidente e dell’essere stato in ospedale con il 65 per cento del mio corpo ustionato. [Ho parlato del] senso di colpa del superstite che è arrivato dopo. Ma, lo ripeto, c’era un lato positivo in questo. Alla fine mi ha portato a rimanere sobrio.
Hai appena compiuto 40 anni. È solo un numero per te o hai avuto un’illuminazione?
Il giorno del mio compleanno ho fatto box per due ore e sono andato in skateboard con mio figlio. Faccio tutto quello che faceva quando avevo 14 o 15 anni. Faccio tutto atleticamente meglio a 40 anni di quando ne avevo 13, perché non sono mai dovuto crescere. La gente deve crescere quando deve fare qualcosa che non le piace per vivere. Sono in grado di fare ciò che amo e fare in modo di essere pagato per farlo. Le mie aspirazioni erano basse. Pensavo fosse quasi impossibile farlo, ma ho trovato un modo.
Torniamo al libro. Mi è piaciuta molto la struttura, dal sangue sulle pagine agli amici e ai familiari che hanno lasciato delle citazioni e degli aneddoti da aggiungere alla tua storia. Come sei arrivato a questa idea?
Ho voluto inframezzare la mia storia con gli altri. Ho avuto dei grandi genitori che mi hanno cresciuto. Mio papà è responsabile di molto. Ho voluto che “pops” contribuisse e, per quanto fosse umiliante, ho voluto che le mie ex-mogli parlassero. Ci sono molti ricordi che ho screditato, perché non li credo. Ho voluto entrambi i lati delle cose. Ho cercato di creare la biografia che avrei voluto leggere. Io e Gavin abbiamo rifiutato di alleggerire qualcosa. Sono molto felice che non lo abbiamo fatto. Lo avrei rimpianto a questi eventi promozionali dove sento i fan [che raccontano come il libro abbia cambiato le loro vite].
Mi è anche piaciuto che hai messo una discografia alla fine. Hai fatto moltissime cose fantastiche e lavorato con tantissimi artisti iconici, è stato bello vedere che lo hai mostrato un po’.
Grazie. Quando ci stavamo preparando a fare il libro, avevo detto che mi sarebbe piaciuto fare una sezione sui tatuaggi. Poi abbiamo iniziato a vedere gli album e abbiamo parlato solo dei progetti musicali a cui ho lavorato. Io e Gavin ci siamo seduti, abbiamo ascoltato ogni canzone in cui sono stato coinvolto e lui mi ha detto di parlarne con un breve racconto per ognuna. La sezione dei tatuaggi non è mai arrivata. Ma si parla di musica. Sono radicato nella musica e lo stesso vale per Gavin. Tutto torna alla musica.
A proposito, so che Tom DeLonge non ne fa parte, ma sei in studio in questo momento per un nuovo disco dei Blink. Parlami di questo...
È fantastico. Praticamente stiamo andando avanti senza Tom, che non voleva lavorare e ha rifiutato di farlo. Ma se i due terzi vogliono continuare, devi andare avanti. Non aveva senso fermarsi. Sarà qualcosa di fresco e nuovo.
Il mondo è piuttosto incasinato in questo momento ed è quasi un eufemismo. La musica guarisce. Credo in questo. Puoi dire la tua su questa teoria della musica che aiuta a passare i momenti difficili?
La musica è una piccola pausa dal mondo crudele o da qualsiasi cosa si stia passando. Ti porta via da quello. Puoi mettere su una canzone e ti riporterà a un momento che è chiaro come una fotografia. La musica è guarigione e aiuta le persone in un modo che nient’altro riesce a fare. Nel tuo giorno peggiore, puoi salire in macchina, mettere su qualsiasi canzone che hai bisogno in quel momento e tutto sarà OK. È molto potente.
Per concludere, puoi rivelare qualche perla di saggezza a mio figlio di un anno?
Amo “fai ciò che ami, ama ciò che fai”. Si va molto lontano. Vivo di questo. Praticamente mi ha reso ciò che sono.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus