Travis Barker ha parlato della sua personalità e del suo rapporto con i blink-182 durante gli anni

Travis Barker è stato intervistato da Salon per promuovere la sua biografia Can I Say. Oltre delle tante cose già ripetute nelle interviste precedenti, Travis Barker ha parlato della sua personalità e del suo rapporto con i blink-182 durante gli anni.

Hai omesso qualcosa dalle interviste degli ospiti della tua biografia?
Nulla.
Alcune delle testimonianze erano notevolmente dure. Hai conosciuto degli aspetti delle persone — rimpianti, sentimenti nascosti, risentimento — che non sapevi esistessero? In particolare sono rimasto sorpreso a leggere la parte di Christian Jacobs degli Aquabats, la tua band prima dei Blink-182, e le sue critiche a Mark Hoppus e Tom Delonge. Ha detto che negli Aquabats “suonavi cose molto più difficili di qualsiasi cosa [tu] abbia suonato in seguito nei Blink” e che Mark e Tom erano “così arroganti e falsi” durante il tour in cui li hai incontrati. Ha concluso dicendo che, senza di te, “Mark e Tom sarebbero stati, nel migliore dei casi, una tiepida band pop-punk sbruffona”.
Sì, sicuramente. Non avevo idea che Christian avesse tutto quel risentimento contro i Blink. Lo amo come un fratello — siamo ancora vicini — ma, prima che leggessi quel passaggio, non sapevo che si sentisse in quel modo. Gliel’ho chiesto da allora.
Tu eri conosciuto — e sei ancora conosciuto — come il tizio tranquillo dei Blink-182 e per la maggior parte sembri il tipo tranquillo e calmo. Eppure tu hai avuto un reality show, “Meet the Barkers”, con la tua ex-moglie, Shanna Moakler. Quando stavi con lei, i paparazzi erano ossessionati da te e poi ha iniziato a uscire — o almeno a vedere — Paris Hilton e questo non ha aiutato molto a distogliere l’attenzione. Adesso, naturalmente, hai scritto una biografia e ti sei rimesso di nuovo sotto la luce dei riflettori. Mi ha colpito che possano esserci due forme di Travis in un certo modo: quello riservato, il batterista silenzioso dei Blink-182 e poi quest’altro individuo che non si sottrae. È una valutazione corretta o scorretta? Cosa ti spinge a continuare a rimetterti là fuori? È in contrasto con la tua personalità?
Beh, con i Blink-182 mi sono sentito alcune volte un po’ fuori luogo con le trovate e le interviste. Tom e Mark parlavano, questo è sicuramente vero. Amo quella band, amo quei ragazzi e amo quella musica. Avevamo — e abbiamo — molto in comune. Ma le battute volgari e le altre cose non lo erano.
Quando ero un ragazzino, ho ascoltato “The Mark, Tom, and Travis Show”, l’album live, più volte di quante possa ricordarmi. Ero arrivato a un punto in cui potevo recitare gli scambi di battute tra le canzoni.
(Ride) Le ho trovate molto divertenti — erano sempre state divertenti, sono sempre state divertenti — ma non ne ho mai veramente fatto parte. Questa è veramente la risposta. Non ero coinvolto con le loro frecciatine su e giù dal palco. Non lo ero mai perché non sono mai voluto essere qualcosa che non ero.

Mark e Tom scherzavano sul fare sesso con la mamma dell’altro, che va bene, ma, sai, mia mamma è morta quando avevo 12 anni. Non scherzo su quell’argomento. Ricordo un concerto in cui mio papà era tra il pubblico e Mark e Tom parlavano di andare a letto con la mamma dell’altro. Mio papà è venuto a parlarmi dopo il concerto ed era convinto che stessero parlando di mia mamma, cosa che non hanno mai fatto. Ho dovuto spiegargli che non era quello che era successo veramente. Ha capito che se qualcuno avesse detto quel tipo di cose a me, probabilmente gli avrei tirato dei pugni facendogli saltare i denti. Ci sono delle cose che non si possono dire sulla mia famiglia. Ma, nella band, Mark e Tom si sfottono in questo modo solo tra di loro. E poi entrambi vorrebbero cazzeggiare con la stampa, ma era sul conto dell’altro.
Diverse persone in “Can I Say”, inclusi tu, Mark e Tom, hanno commentato che quando ti sei unito ai Blink, il tuo scopo era di essere il “musicista” del gruppo. Potrei essere d’accordo che fosse vero all’inizio — in “Enema of the State”, in “Take Your Pants Off and Jacket”, tutto prima dell’album self-titled — ma poi c’è stato un cambiamento. Sembrava che Mark e Tom abbiamo espresso il desiderio di evolvere musicalmente e di voler essere anche dei musicisti. Forse questo ha portato alla rovina della band? O forse sarebbe meglio dire che Tom non è stato più coinvolto?
Parte di esso ha probabilmente qualcosa a che fare con il fatto che siamo cresciuti tutti. Voglio dire, per me, continuo ad andare in skateboard su una mini-rampa con mio figlio, Landon. Non sono cambiato. Sono rimasto un ragazzino in quel senso. Faccio box e porto anche Landon a fare box. Avrei voluto aver fatto box quando ero più giovane.

Ma Mark e Tom si stavano preoccupando un po’ di fare le stesse battute, credo. E non sto parlando per loro — non posso parlare per conto loro. Ma siamo diventati tutti più vecchi — ci siamo sposati e abbiamo avuto dei figli — e sono sembrati meno interessati a fare le stesse battute che facevano quando avevano vent’anni, che è una cosa che capivo e capisco. C’è stato anche un punto in cui Tom ha iniziato a interessarsi a nuovi stili, che ha portato alla formazione dei Box Car Racer. Abbiamo fatto molto jam allora e, come ricordo nella biografia, l’ho fatto interessare alla musica post-hardcore, come i Fugazi.

Siamo tutti cresciuti molto e maturati in molte direzioni. Ma, non lo so... quando stavamo registrando l’ultimo album dei Blink (“Neighborhoods”, seguito dall’EP “Dogs Eating Dogs“), Tom stava armeggiando con un sintetizzatore e io ho detto: “suona la chitarra, amico. La chitarra è fantastica”.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus