I blink-182 spiegano perché non sentiremo 'Up All Night' in tour

Mark Hoppus ha detto che non vogliono che la gente senta la loro nuova canzone come 'una versione di YouTube che suoniamo noi in concerto'.

LAS VEGAS — C'è una bella possibilità che sentiremo quasi tutte le canzoni immaginabili dei Blink-182 durante il loro attuale tour ... e anche più di qualche scherzo volgare.

Con un catalogo che spazia per un decennio e una scaletta che arriva vicina alle due ore (senza menzionare la durata media delle canzoni di circa quattro minuti), i Blink hanno messo quasi tutto nei loro ultimi concerti con un'unica evidente eccezione: "Up All Night".

Fin dall'inizio del tour settimana scorsa, i fan dei Blink hanno chiesto a gran voce che la band suonasse "Night", l'unica nuova canzone che hanno completato prima di mettersi in viaggio. Nelle prime interviste i Blink avevano promesso di svelare la canzone durante il tour, ma finora niente da fare. E da come vanno le cose non cambierà nulla molto presto.

"Potremmo [suonarla], ma probabilmente no" ha detto il bassista Mark Hoppus. "Non l'abbiamo ancora finita di registrare e non vogliamo proprio che la prima volta che la gente ascolti la nostra nuova canzone sia una versione di YouTube che suoniamo noi in concerto. Vogliamo che sia la canzone reale e non abbiamo ancora avuto la possibilità di finirla, quindi probabilmente la lasceremo fuori dalla scaletta fino a quando non uscirà".

Mentre "Up All Night" — che si intitolava originalmente "The Night the Moon Was Gone" (a proposito, la figlia del chitarrista Tom DeLonge ha inventato questo titolo) — potrebbe non essere ancora finita, i Blink ne sono comunque infinitamente orgogliosi.

"È una canzone fantastica. Non abbiamo ancora finito di registrarla", ha detto DeLonge. "Non avrei mai saputo se ci fosse spazio per questa canzone, abbiamo così tante canzoni nella scaletta".

"Sì, suoniamo tante canzoni", ha aggiunto Hoppus. "Ne suoniamo il più possibilie senza essere accusati di andare oltre [il tempo] ogni sera".

E a togliere ulteriore tempo in questa scaletta sono un paio di jam di vecchie canzoni come "Down", "Miss You" e "Stockholm Syndrome", a cui viene allungata la loro durata originale e mostra i Blink come probabilmente non avete mai visto prima: ridicolmente tese professionali macchine pop-punk. Dopo tutto, aver fatto tutte quelle prove — avrebbero avuto qualcosa da far vedere.

"Avere Travis nella band, lui è le fondamenta di quello che facciamo", ha detto DeLonge. "Così io e Mark possiamo metterci in cerchio attorno a lui e seguire quello che fa. Abbiamo un paio di punti nella scaletta dove possiamo veramente vagare senza meta. È un miglioramento ed è un tipo di cosa che non si vedono normalmente con band del nostro genere, e penso che faremo altre cose in più come queste in futuro. ... La cosa veramente figa adesso, insieme al fatto che ci stiamo divertendo molto, è il fatto che la band sia unita. Penso che stiamo suonando meglio adesso di quanto abbiamo mai fatto in passato".
- MTV.com

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus