Mark Hoppus: "Mio figlio dice che sono un papà noioso"

Mark Hoppus è stato intervistato da People e ha parlato di cosa pensa di lui il figlio Jack, del residency a Las Vegas e delle vecchie canzoni dei blink-182.

Mark Hoppus ha iniziato l’intervista dicendo che suo figlio non pensa che sia figo nonostante suoni in una band.

A un certo punto mio figlio mi ha detto che non ero figo e gli ho risposto: “Di cosa stai parlando? Suono in una band rock. Sono cool.” E lui ha continuato: “Sì, sei figo al livello ‘tizio in una band’, ma non sei figo-figo”.

Penso che a mio figlio piaccia ciò che faccio, ma allo stesso tempo alza gli occhi al cielo e pensa che sia un papà noioso.

Mark Hoppus ha poi parlato del residency dei blink-182 e della concorrenza che c’è a Las Vegas.

Suonare a Las Vegas è come suonare a un festival. Ci sono persone da tutto il mondo a Las Vegas. Alcune persone vengono specificamente per vedere il nostro concerto. Alcune persone si trovano semplicemente qui e vengono a vederci perché siamo in città. Penso che si debba lavorare un po’ più duramente per conquistare il pubblico perché ci sono tantissime cose che si possono fare. Si può andare a vedere il Cirque du Soleil con persone che si lanciano da 30 piedi da terra. Dobbiamo mettere assieme un ottimo spettacolo per competere con quello.

Mark Hoppus ha concluso l’intervista dicendo che in un certo senso rimpiange di aver registrato alcune canzoni.

Amo il nostro intero catalogo e non cambierei necessariamente ciò che abbiamo registrato, ma ascoltare cosa cantavamo e suonavamo nel ‘97, più di 20 anni fa, è quasi come guardare delle proprie foto di quando si era alle scuole medie. Per esempio, vorrei aver speso un po’ più tempo su una certa strofa. Ho avuto una strana fase da quando avevo 20 anni ad oggi.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus