Travis Barker ha rimpiazzato le brutte dipendenze con la corsa

Travis Barker è stato intervistato da Runner’s World nel camerino dell’ultimo concerto dei blink-182 a New Orleans e ha parlato di come è rimasto sobrio da quando ha quasi perso un piede nell’incidente aereo del 2008 e di come ora ami andare a correre.

@travisbarker has been sober since he survived a plan crash in 2008, but he has a new addiction: running. Travis is this month’s I’m a Runner. Read his full interview at the link in our bio.

Mi sono allacciato le scarpe per andare a correre seriamente per la prima volta il giorno che ho scoperto che la mia ex-moglie [Shanna Moakler] era incinta di nostro figlio, Landon. Sono tornato a casa dall’ambulatorio del dottore e ho corso verso l’autostrada, che distava quattro miglia.

Non avevo mai corso per divertimento prima, ma l’ho fatto tutti i giorni da quando è nato. Stavo diventando responsabile e un esempio per qualcuno. Quello è stato l’inizio dell’essere in forma.

Quando sono stato coinvolto in quell’incidente aereo [nel 2008], il 65 per cento del mio corpo era bruciato e il mio piede destro era stato quasi amputato. I dottori mi hanno detto: “Probabilmente non correrai più. Forse non suonerai più la batteria.”

Nel momento che me lo hanno detto, quelle sono diventate delle sfide per me. Una volta che ho imparato a camminare di nuovo in ospedale, la prima cosa che volevo fare era suonare la batteria e correre.

Sei-otto mesi dopo l’incidente stavo correndo. È stato come un colpo d’avvertimento — un’altra possibilità per migliorare la mia vita.

Mi sento giù se non corro. È come un pasto. Ne ho bisogno tutti i giorni.

Non volo, quindi sono su un pulmann per 10-12 ore in tour. Qualche volta quando l’autista si ferma per fare benzina, gli dico: “In quale direzione stai guidando? Inizio a correre, poi vienimi a prendere!”

Anche in studio, se c’è una pausa, non riesco a starmene seduto. Dicono che lo stare seduti sia il nuovo cancro e in un certo senso sono d’accordo.

La parte più cool dell’essere in tour è correre per le scale dei teatri e delle arene. Dopo il soundcheck c’è molta quiete. Sei ore dopo l’arena si riempie con 20.000-30.000 ragazzi urlanti. È la calma prima della tempesta.

La gente non capisce quando dico che corro senza musica, ma quando sono in studio tutto il giorno a lavorare e a ascoltare musica, qualche volta voglio solamente pensare ad altro.

Sono sobrio dall’incidente, ma ho rimpiazzato tutte le mie brutte dipendenze con quelle buone. Adesso mi sballo correndo.

Amo correre. Mi fa sentire come se potessi conquistare qualsiasi cosa. Non sono mai stanco con i miei due figli. Devo molto di questo alla corsa.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus