Intervista personale a Tom DeLonge e sul progetto "The Dream Walker" degli Angels And Airwaves

Tom DeLonge è stato intervistato da Radio.com e ha parlato del progetto Poet Anderson: The Dream Walker degli Angels And Airwaves, di alieni e di alcuni aspetti personali.

Ecco il riassunto delle risposte che Tom DeLonge ha dato durante l’intervista.

  • C’è molto Tom DeLonge nel personaggio Poet Anderson: ha la frangia lunga che aveva anni fa, si veste con calzoni aderenti e ha un senso di stupore. È come Tom avrebbe voluto essere in una vita completamente diversa.
  • Nel suo sogno più vivido Tom DeLonge è su un dirupo con alcune centinaia di persone con delle tonache marrone scuro. Gli edifici sono costruiti nella roccia, ma è tutto molto futuristico e sarebbe come uno si immaginerebbe che fosse Giza qualche migliaio di anni fa appena costruita. Tom si chiede se ha visitato veramente quei luoghi, forse in una vita precedente o futura. Non sa perché si ricorda sempre quel sogno, ma gli sembra il futuro e di essere in mezzo a delle persone molto importanti. Tom ha fatto questo sogno di continuo per un paio di volte, ma è stato talmente forte che se lo ricorda ancora, nonostante spesso dimentichi cosa sogni.
  • Se la vita di Tom DeLonge fosse un sogno, il capitolo che starebbe vivendo ora sarebbe il terzo di Cinquanta sfumature di grigio.
  • Tom DeLonge sfuggirebbe alla condizione umana per i viaggi spaziali quando la tecnologia permetterà di andare da un sistema solare all’altro istantaneamente.
  • Per Tom DeLonge, la definizione di perfezione è lottare per qualcosa e cercare di raggiungere un obiettivo è come un viaggio.
  • La destinazione del viaggio artistico di Tom DeLonge è di riuscire a fare cose che non si sarebbe mai potuto immaginare di fare.
  • L’emozione che Tom DeLonge ha più difficoltà a controllare è l’homour, se si può considerare un’emozione, perché non riesce a trattenersi a dire delle cose stupide.
  • Tom DeLonge ha iniziato a pensare alla vita extraterreste quando aveva 17 anni. A scuola studiava i fossili che provano l’esistenza di alcuni animali che hanno vissuto in un determinato periodo e, secondo Tom, l’uomo è la prova che c’è vita nell’Universo.
  • Alla domanda su quali canzoni è più orgoglioso di aver scritto, Tom DeLonge ha risposto che gli piace ancora molto The Adventure degli Angels And Airwaves ed è ancora molto legato a I Miss You dei blink-182, ma in questo momento gli piace molto Tunnels del nuovo album The Dream Walker.
  • Le persone che hanno influenzato di più Tom DeLonge nella sua infanzia sono Milo Aukerman, cantante dei Descendants, e lo skateboarder Matt Hensley.
  • Tra i litigi più forti che Tom DeLonge abbia mai avuto ci sono quelli nei blink-182 prima dello scioglimento. In realtà non erano su dei veri argomenti, ma riflettevano il fatto che stessero crescendo e diventando quello che sono ora rompendo le vecchie regole di come fossero quando erano in una band. Questi litigi hanno cambiato Tom e gli hanno fatto capire che ognuno è degno delle proprie opinioni e che ognuno merita il rispetto di essere sé stesso.
  • La scelta di cui Tom DeLonge è più orgoglioso di aver fatto nella sua vita è di aver creato gli Angels And Airwaves, perché è stato in grado di fare cose che non avrebbe mai immaginato di fare.
  • Tom DeLonge vuole insegnare ai suoi figli di fare quello che sono bravi di fare e in cui credono.
  • Tom DeLonge si considera un imprenditore decente dopo molti anni, perché è stato in grado di trovare diversi artisti talentuosi che lo hanno aiutato, per esempio, nel progetto Poet Anderson: The Dream Walker.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus