Tom DeLonge sul nuovo album degli Angels And Airwaves: "Questo è un disco rivoluzionario per questa band"

PureVolume.com ha intervistato Tom DeLonge che ha svelato come è nato il personaggio di Poet Anderson (potete vedere qui il trailer del cortometraggio), chi sta scrivendo il libro e molto altro sul progetto Poet Anderson: The Dream Walker degli Angels And Airwaves.

All’apice del successo dei Blink-182, Tom DeLonge aveva molte idee in testa. Durante una pausa del tour a Parigi, seduto nella sua stanza d’albergo, il cantante uscì con l’idea di un personaggio chiamato Poet Anderson. Ora, quasi 15 anni dopo, è pronto a incorporare quell’idea in un progetto molto più largo e ambizioso degli Angels & Airwaves che non aveva mai tentato prima.

Nascosto in un edificio anonimo protetto da cancelli e alberi, DeLonge e Ilan Rubin stanno riposando comodamente all’interno della sala di comando dello studio di North Hollywood. I due sono rilassati, ma allo stesso tempo, DeLonge è fiducioso dell’idea dell’ultimo capitolo degli Angels & Airwaves, lo sfaccettato The Dream Walker, il quarto album del gruppo che in più include un film e un romanzo.

Con l’assistenza di animatori in Europa, l’idea di DeLonge è diventata realtà. Dopo due anni, il cortometraggio collegato al progetto è previsto che sia mostrato più avanti al Toronto Film Festival. Dopo i saluti del duo, DeLonge ci ha fatto sentire due canzoni — una orientata all’elettronica e l’altra con chitarre rock — dal disco non ancora completato che è previsto per la pubblicazione a dicembre. Ci ha anche mostrato un trailer del film e degli schizzi del cartone animato. Nonostante tutti gli obiettivi ambiziosi di The Dream Walker, DeLonge ha detto che il suo obiettivo principale è la musica. “Questo è un disco rivoluzionario per questa band e cambia veramente le cose per quello che le persone pensano che possiamo fare musicalmente”, ha spiegato il cantante. “La gente deve sapere che non finisce solo con questo e che stiamo passando ogni ora del giorno per creare un pezzo d’arte che è dirompente, ambizioso e intrigante”.

Come sei arrivato con l’idea del cartone animato e di Poet?
Gli Angels & Airwaves sono sempre dovuti essere un progetto artistico e una cosa multimediale. Farlo è molto più difficile che dirlo. Durante gli ultimi quasi 10 anni, abbiamo pubblicato un paio di dischi, abbiamo costruito una base di fan e abbiamo pubblicato un altro disco e un film intolati Love. Abbiamo preso quella esperienza e siamo saliti di molti livelli. Poet era un personaggio che sembrava vivere nell’edificio in una serata piovosa a Parigi. Poi ho visto un documentario sui sogni ed era interessante vedere come gli incubi facciano manutenzione della mente degli esseri umani e quale fosse il loro scopo. Amavo l’idea di questo personaggio che sta nei tuoi sogni, ti guida, ti protegge e informa il tuo processo decisionale nel mondo reale. Ecco da dove è stato generato. Siamo stati molto più ambiziosi di quanto potessimo veramente ottenere e non è stato facile. Penso che su questo disco inizieremo a ottenere tutte quelle cose.
È strano che la tua ideazione iniziale che è cominciata 15 anni fa a Parigi stia finalmente diventando realtà?
Sì, è pazzescamente strano. Pensare che tutto questo stia succedendo è fantastico. È stata una fiducia incurante come se non pensassi veramente di raggiungere le persone. È come l’autore che sta scrivendo il romanzo di Poet che è la scrittrice di best seller Suzanne Young. Mi sono semplicemente messo lì e le ho raccontato questo per vedere se lo trovava interessante e intrigante. In questo progetto ha iniziato ad andare avanti tutto insieme sempre più veloce e sta succendo tutto veramente! È molto entusiasmante e, se inizia a funzionare, potrebbe trasformare l’industria musicale e cinematografica nel senso che le persone collaboreranno insieme a un progetto invece che fare ognuno il proprio. Penso che sia dove l’arte potrà andare nel corso dei prossimi anni.
Come è stato elaborare l’idea completa e la psiche di Poet?
La cosa di Poet è interessante. Ora ho scritto quattro sceneggiature ma le due di Poet non erano complete. Ho scritto due idee completamente diverse e due direzioni differenti quindi mi piacerebbe sapere che direzione hanno preso. Penso che ci siano elementi di entrambe. Penso che ci siano moltissime persone talentuose là fuori che farebbero bene nel tipo di scenario che è venuto fuori, come quelle con cui abbiamo collaborato per questo progetto.
Hai mai considerato di far nascere Poet nei primi album degli Angels and Airwaves?
Per il secondo album, I Empire, Drew Struzan ha disegnato la copertina ed è il tizio che ha fatto tutte quelle locandine di film famosi, come Star Wars, Indiana Jones e tutte quelle locandine fantasy. A quel punto speravo di far uscire assieme il film di I Empire con tutta quella pressione che non funzionava ed era completamente irragionevole. Con Whisper abbiamo fatto un documentario che conteneva molta arte figurativa e abbiamo approfondito molto la storia del motivo per cui la band era in quella forma e cosa stava cercando di fare. Abbiamo pubblicato quell’album con il trailer di un film e penso che sia stata la prima volta che una band abbia provato veramente a farlo. A quel tempo stavamo pensando alla nostra arte come multimediale. C’erano tantissime cose che volevo fare con quel primo paio di dischi, ma non c’erano le risorse per farlo. Non c’erano fino al progetto Love con cui abbiamo fatto un romanzo a fumetti e il film. Avevamo del merchandise fantastico e questo è un animale totalmente differente e molto più grande.
Quali sono state alcune delle sfide che hai dovuto affrontare mentre provavi a realizzarlo?
Tutte. I soldi. È straordinariamente costoso fare dei cartoni animati e non sai se ne uscirà qualcosa di buono. Anche con Love, alcune delle grandi sfide per me sono state imparare il processo e raggiungere il giusto ordine delle cose. Ogni volta che l’ho iniziato, era un progetto molto più modesto. Ora ce ne siamo occupati, almeno penso che lo abbiamo fatto.
La storia si adatta alla musica o è il contrario?
Il modo con cui stiamo cercando di spiegarlo è che ogni cosa deve essere in grado di stare da sola. Se qualcuno compra il disco, non noterà che tutte le canzoni parlano dei sogni e di Poet. Possono ascoltare l’album e pensare che sia un grande disco. Se qualcuno legge il libro, deve poter pensare che sia fantastico senza aver ascoltato o che gli sia piaciuto il disco. La stessa cosa con il film che potrebbe coprire trasversalmente tutte le età. Alla gente piace vedere Batman con Christian Bale che è un film fantastico e formidabile! Ma questo non significa che gli piacerà il cartone animato di Batman trasmesso la domenica pomeriggio. Per le persone che amano Poet, ci può essere un mondo infinito di media da selezionare e consumare.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus