Mark Hoppus parla dei blink-182 senza il produttore Jerry Finn

Il bassista ha detto che Finn era l'"ancora" e la "terza parte imparziale" di tutti gli album dei Blink dal 1997.

Quando MTV News si è incontrata la scorsa settimana con Mark Hoppus dei Blink-182, ha parlato a lungo del lavoro in corso della band per finire il loro album e ha spiegato che parte del ritardo è causato dalle agende sempre piene dei membri dei Blink.

Ma c'è anche un altro motivo per cui i Blink ci stanno mettendo tanto per rilasciare il loro album — uno che probabilmente non ha ricevuto l'attenzione che meriterebbe: la morte del produttore Jerry Finn nel 2008. Non solo Finn era alla guida dei loro ultimi tre album registrati in studio, ma ha prestato servizio come membro inestimabile della squadra dei Blink: in parte consulente e in parte osservatore imparziale, ha aiutato ad appianare le tensioni e ad affinare il loro suono da multi-platino. E adesso, per la prima volta da Dude Ranch del 1997, i Blink-182 stanno provando a realizzare un album senza di lui.

"Abbiamo sempre avuto Jerry al timone e questa volta siamo solo noi alla guida senza Jerry", ha spiegato Hoppus. "E mi sento come se fosse con noi, a spingerci nella giusta direzione, ma non è ovviamente là e questo fa schifo, ma lo stiamo facendo".

Hoppus si è commosso ripensando alla relazione di Finn con la band in passato, ma solo ora spiega perché sostituire Finn sia una grande sfida — una delle quali lui e i suo compagni devono imparare in corsa.

"Jerry ... era sempre una specie di ancora per tutto ed era la terza parte imparziale. ... Come artista, scrivi qualcosa, forse ci lavori con fatica per un po' e, visto che hai lavorato così duramente su una certa parte, significa qualcosa di più per te. E se non funziona per la canzone, hai bisogno qualcuno che ti dica solamente: 'Questa parte non funziona. Non importa che tu ci abbia lavorato per una settimana su quella parte di chitarra, semplicemente non funziona. Ha bisogno di qualcos'altro'", ha spiegato. "E così dobbiamo auto-correggerci molto di più ed essere più onesti l'uno con l'altro. Piuttosto che avere Jerry che era la persona del tipo: 'Perché non provi questa cosa?'. Noi siamo quelli che dicono: 'Che ne dici di questo?'".

Quindi solo ora, a quasi tre anni dalla sua morte, i Blink stanno iniziando a capire com'è lavorare senza Finn. Ma Hoppus ha detto che finora hanno resistino alla tempesta e che, in vari modi, grazie a questo ne usciti migliori come band.

"Come quando ho detto che ho detto che fa schifo non averlo con noi", ha aggiunto. "Ma questo è solo un altro gradino della storia dei Blink-182".
- MTV.com

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus