Travis Barker ha parlato della canzone dei blink-182 che uscirà tra due settimane, di Post Malone, della DTA Records e di molto altro con SPIN

Travis Barker ha rilasciato un’intervista a SPIN mentre era in viaggio verso lo studio di registrazione di Post Malone a Salt Lake City per parlare dei tanti progetti su cui sta lavorando, della DTA Records e della nuova musica dei blink-182 che uscirà nelle prossime due settimane.

Travis Barker ha spiegato come ha passato la quarantena a lavorare a diversi progetti, inizialmente in casa e poi in studio di registrazione.

Nella prima parte della quarantena ero bloccato a casa quindi abbiamo fatto la cover dei Paramore, io e Kels [Machine Gun Kelly]. Abbiamo fatto “Misery Business” e poi da lì ogni giorno c’era qualcosa. Non si ha nient’altro da fare quindi si inizia a essere creativi. Ho iniziato lentamente ad andare in studio. [..] Penso che siano tutti grati e fortunati di essere in grado di fare musica ed essere vivi, di cogliere le opportunità, essere creativi e fare ottima musica.

Travis Barker ha raccontato come è nata l’opportunità di suonare con Post Malone il tributo ai Nirvana.

Ero seduto a casa e stavo lavorando con un artista che si chiama Poorstacy. Ho ricevuto una telefonata da Brian Lee. Scrive molto con Post ed è suo amico e mi ha detto: “Ho questa idea per una canzone che voglio presentare a Post, mi piacerebbe molto che tu suonassi la batteria”. Così gli ho mandato le parti di batteria 45 minuti dopo. Mi ha risposto: “È fantastico. Saresti disponibile per fare questa cosa dei Nirvana con noi? Stavamo pensando di fare 20 cover dei Nirvana e sarà per fare beneficenza per il coronavirus e aiutare i paramedici”.

Onestamente pensavo che stesse scherzando perché sarei dovuto andare fino a Salt Lake City. [..] Abbiamo continuato a parlarne e mi ha detto che erano seri e che sarei dovuto andare là entro tre giorni. [..] Così ho passato i tre giorni seguenti a imparare 20 canzoni dei Nirvana ed è stato divertente perché i Nirvana sono una delle più grandi band di tutti i tempi e [..] perché [la gente] ha bisogno di musica live. E quale migliore band a cui rendere omaggio se non i Nirvana?

Travis Barker ha portato l’esempio delle collaborazioni con Machine Gun Kelly per spiegare come sono legati tanti suoi progetti.

Penso di essere abbastanza fortunato di lavorare con degli amici ed è sempre naturale. Come l’inizio di Tickets to My Downfall, che è l’album che ho prodotto per MGK. Avevamo finito “I Think I’m Okay” con Yungblud ed era appena uscita. MGK è andato in tour con Young Thug e io sono andato a un concerto perché Young Thug mi aveva invitato [..] e Kels mi ha detto: “Amico, ti devo mostrare tutta la nuova roba su cui sto lavorando. Ho questa canzone pazzesca con Trippie [Redd]”. Mi ha fatto sentire una canzone con Trippie e gli ho detto: “Questo è un mio beat”. Me ne ha fatta sentire un’altra e anche quella aveva un mio beat. Il giorno dopo abbiamo scritto “My Bloody Valentine”. Poi da quel momento in poi ci siamo chiusi in studio tutti i giorni. Non c’era pianificazione, nessuna conversazione. Siamo andati in studio tutti i giorni per due mesi consecutivi e abbiamo realizzato uno degli album più incredibili di cui abbia mai fatto parte. Denzel Curry mi ha contattato mentre ero in viaggio verso Salt Lake e mi ha detto: “Ehi, voglio realizzare questo progetto con te”. Quello è stato il messaggio e la telefonata dei tuoi sogni che ricevi da un artista con cui ti piacerebbe lavorare.

Travis Barker vuole aiutare i giovani artisti con la DTA Records e jxdn è il primo esempio.

In questo momento è la mia priorità principale. Per DTA ho messo sotto contratto il mio primo artista, jxdn, e abbiamo pubblicato il suo primo singolo, “Angels and Demons”. [..] Stiamo in studio 24 ore al giorno e 7 giorni su 7, stiamo realizzando le versioni acustiche delle canzoni e stiamo scrivendo nuove canzoni. Sono stato con lui fino alle 5 di mattina a scrivere una canzone prima di partire per Salt Lake City. Quindi lo stiamo guidando e ci stiamo assicurando che tutti siano a bordo.

Travis Barker ha imparato come fare il produttore da Jerry Finn e da tutte le esperienze che ha avuto in seguito in studio di registrazione.

Cerco di apprezzare ogni esperienza in studio. L’ho capito con Jerry Finn. Ho imparato molto da lui anche se a quel tempo non pensavo che avrei prodotto degli album. [..] Continuo ad evere questa esperienza con persone come John Feldmann. Penso che ci si inganni da soli se non si impara qualcosa in ogni sessione a cui si partecipa.

Travis Barker ha elencato su cosa ha lavorato ultimamente.

Questa settimana io e Brian Lee abbiamo prodotto una canzone dei Blink e l’abbiamo registrata. Ho finito tre canzoni di jxdn; ho finito una canzone acustica con MGK e siamo tornati a lavorare su tre altre canzoni dell’album; ho suonato in una canzone di Yungblud; ho co-prodotto e ho suonato la batteria in una canzone di Steve Aoki che comprende Trevor Daniels e MGK.

Travis Barker ha svelato il titolo e la data d’uscita prevista della nuova canzone dei blink-182.

Abbiamo una canzone che si intitola “Quarantine” che uscirà nelle prossime due settimane. Ne sono molto entusiasta.

Travis Barker sta lavorando a nuovi progetti con la DTA Records, ma il punto centrale rimane la ricerca di nuovi artisti.

Ho una canzone con Wiz Khalifa che sta per uscire, una canzone con i Run The Jewels che sta per uscire. Sono solo cose divertenti. Ma c’è la ricerca di artisti e lo sviluppo degli artisti. Verranno da me e li troverò come è successo con jxdn.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus