Come Travis Barker sta cercando di prendere il controllo del rap con la DTA Records

Dopo aver pubblicato il suo nuovo singolo Dogshit, Travis Barker ha rilasciato un’intervista a Billboard per parlare della sua etichetta discografica DTA Records.

Travis Barker ha raccontato com’è nata l’idea di fondare la DTA Records.

Stavo lavorando con molti artisti della Atlantic, come Jasiah, grandson e FEVER 333. Stavo anche lavorando con artisti che erano fuori dal sistema della Warner, come Nascar Ahloe e Machine Gun Kelly. Durante questo processo, avevo un grande rapporto con Johnny Minardi che mi ha detto: “Ehi, sai, ho parlato con Gregg [Nadel, co-presidente della Elektra Records]”. Avevano un interesse a fare qualcosa assieme al di fuori di me che produco e suono la batteria per qualche canzone di questi artisti. Mi hanno approcciato con una specie di accordo per una etichetta che avrebbe fatto crescere assieme degli artisti.

Travis Barker ha spiegato cosa intende per far crescere i nuovi artisti.

Bisogna essere in grado di vedere attraverso le cose e assicurarsi di non fare come nelle storie che si sentono spesso in cui gli artisti firmato per un’etichetta. Poi qualcuno non scegliere il miglior primo singolo e le cose non funzionano e infine l’artista viene scartato e il suo progetto finisce in un limbo. Cercherò di proteggere gli artisti in modo che non vengano scartati solo perché scelgono di esplorare dei nuovi sound.

Travis Barker ha raccontato quando ha iniziato a capire che poteva suonare la batteria anche nell’ambiente rap.

La prima cosa che mi ha aperto gli occhi è stato quando Puff Daddy mi ha chiesto di partecipare al video di “Bad Boys for Life”. A quel tempo stava lavorando con Black Rob e G. Dep e stava succedendo questa cosa a New York, come Method Man e Wu Tang. Tutti stavano impazzendo e io ne ero molto entusiasta.

Poi, alcuni mesi dopo, Bun B e Pimp C mi hanno chiesto di realizzare un beat per uno dei loro progetti. È stato così naturale e mi sentivo bene a poterlo fare perché ero sempre stato ossessionato dal realizzare beat e suonare sui dischi rap.

Travis Barker ha raccontato come è nata la collaborazione con Rick Ross e Lil Wayne per Gimme Brain.

Tempo fa ho pubblicato un disco intitolato “Can a Drummer Get Some” che includeva delle collaborazioni con Swizz Beatz, Game, Rick Ross e Wayne. Sono andato in tour con Wayne e Rick Ross durante il I Am Music Tour e poi ho suonato nell’album rock di Wayne e ho suonato in “Drop the World”. Un anno l’abbiamo suonata anche ai Grammy’s.

Io e Wayne siamo sempre stati in contatto e siamo sempre stati amici. Lo stesso con Ross. [..] Avevo solo il beat di “Gimme Brain”, quindi l’ho inviato a Wayne, ci ha cantato sopra e me lo ha rimandato. Poi l’ho mandato a Ross. È stato molto facile.

Travis Barker ha elencato le canzoni su cui sta lavorando.

Ho un disco con Nascar Aloe e Jasiah che sta per uscire; ho un po’ di materiale con OmenXIII; ho del materiale con Smokepurpp, materiale con Yachty e Dej Loaf e una con i Run the Jewels. Non lo penso come un album, ma piuttosto come singoli da pubblicare ogni due mesi.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus