Tom DeLonge: "Se suonassi una canzone dei blink-182 agli alieni, si offenderebbero molto e inizierebbero una guerra interplanetaria"

Tom DeLonge e Luis Elizondo sono stati intervistati da NME per promuovere l’uscita nel Regno Unito di Unidentified: Inside America’s UFO Investigation.

Tom DeLonge ha ricordato il periodo in cui ha lasciato i blink-182.

Non devo dare peso a ciò che le altre persone pensano o non pensano di me. Quando ho lasciato i Blink 182, è stato tra le tendenze di Twitter un paio di volte in quel mese ed era tutto negativo. Ho fatto crescere una scorza molto dura. Nessuno conosceva veramente quali erano i fatti dietro le quinte. Quindi ero preparato a fregarmene di ciò che la gente diceva.

[..]

La gente non capiva perché io e i Blink avevamo dei problemi. La gente non capiva le questioni interne della band. Tutto quello che vedevano era che avevo lasciato la band per andare a caccia di alieni. Ma in quel periodo non potevo nemmeno dire ai miei compagni di band con chi mi incontravo e con chi lavoravo: persone importanti che non si mostrano al pubblico. Quindi ho passato un lungo periodo a prepararmi a ricevere delle bordate. Ma non mi interessa cosa la gente pensa perché so cosa succederà; torneranno e mi diranno: “Scusaci per aver detto quello; cosa facciamo adesso?” E io risponderò: “Io e il mio team abbiamo già un piano per quello”.

Tom DeLonge è contento che i blink-182 gli abbiano dedicato Aliens Exist durante un recente concerto.

È fantastico che lo abbiano fatto. Ho parlato con i ragazzi e siamo ancora tutti buoni amici. Siamo come fratelli. È cool che lo abbiano fatto. È divertente perché per tantissimi anni, quando viaggiavamo, li bloccavo nei camerini e dicevo loro: “Sapevate questo? Sapevate quest’altro?” È divertente perché so che li infastidivo, ma stavo parlando con Travis non molto tempo fa e anche lui mi ha detto: “Amico, non riesco a credere fin dove sei riuscito ad arrivare!” Gli ho risposto: “Ad essere onesti, non riesco a crederci nemmeno io!”. Quella canzone che ho scritto ha una vita tutta sua ma è molto interessante ascoltarla adesso, 20 anni dopo, e pensare alla società che ho fondato.

A conclusione dell’intervista è stato chiesto a Tom DeLonge cosa suonerebbe a un alieno per fargli sentire la musica della Terra tra gli Angels And Airwaves e i blink-182.

Accipicchia! Dovrei suonare qualcosa degli Angels & Airwaves perché riconoscerebbero il sound space-prog. Se suonassi qualcosa dei Blink, non capirebbero le battute. Probabilmente si offenderebbero molto e inizierebbero una guerra interplanetaria.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus