Le sfide alla chitarra che ha dovuto affrontare Matt Skiba per sostituire Tom DeLonge nei blink-182

Matt Skiba è stato intervistato da Steven Rosen di Ultimate-Guitar.com e ha parlato di come è stato sostituire Tom DeLonge nei blink-182.

Io e Tom abbiamo dei stili molto diversi. Siamo entrambi cresciuti ascoltando più o meno le stesse band, ma, come cantautori e musicisti, ho quasi dovuto reimparare a suonare la chitarra.

C’erano cose che ha fatto che erano molto cool e idee semplicementi geniali che non avrei mai pensato di suonare o che non ho mai suonato.

Non sono mai stato un tipo da pull-off o hammer-on e imparare a come fare questo tipo di cose mi ha sicuramente reso un musicista migliore. Molte cose della scaletta non le ho mai suonate prima a parte le canzoni stesse. Stilisticamente e in teoria, non avevo mai suonato nulla come quello. C’è stata una gigantesca curva d’apprendimento.

Matt Skiba ha poi risposto quando gli è stato chiesto se ci fosse «una linea sottile da percorrere tra il suonare le canzoni dei blink-182 in maniera fedele e il cercare di renderle proprie».

Assolutamente. Ho imparato a suonare tutto esattamente nel modo che è stato suonato sul disco. Una volta che mi sono sentito a mio agio a farlo, ho avuto delle idee da fare live.

Naturalmente poi aggiungere il mio gusto ai testi e al suonare è stato qualcosa che ho voluto fare solo per l’amore per le canzoni e l’interesse di renderle mie.

Si vuole che le canzoni siano familiari e non si vuole che siano una gigantesca divergenza da ciò che erano, ma allo stesso tempo voglio essere me stesso. I ragazzi sentivano che fosse una grande parte del motivo per cui mi hanno chiesto di farlo. Apprezzavano il modo in cui facevo le cose con gli Alkaline Trio, quindi ho aggiunto molto del mio gusto alle canzoni.

Matt Skiba ha concluso l’intervista parlando delle scelte che ha preso per le chitarre e gli amplificatori nel passaggio da Alkaline Trio a blink-182.

Abbiamo iniziato usando il mio setup, che era un Bogner Shiva. Usavamo una combinazione di tre diversi amplificatori tra cui un Fender Supersonic e alcuni pedali Line 6. Ho portato tutta la mia strumentazione dagli Alkaline Trio e ho finito per passare a un Kemper. Mark suonava attraverso un Kemper e all’inizio ero un po’ scettico perché non capivo come funzionava il sistema. Adesso anche i miei compagni negli Alkaline Trio stanno passando a Kemper.

Quelle cose [della Kempers] sono fantastiche. I toni che utilizzavo negli Alkaline Trio e i toni che utilizzo nei Blink sono un bel po’ diversi. Quindi sì, c’è stata sicuramente un po’ di reingegnerizzazione del tono e ho reingegnerizzato praticamente tutto per andare bene con quello per cui i Blink sono conosciuti e amati.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus