I blink-182 pensano a un nuovo album live e a un nuovo documentario per il 2017

Mark Hoppus e Travis Barker sono stati intervistati nell’ultimo numero di Kerrang! e hanno parlato di cosa accadrà o potrebbe accadere ai blink-182 nel 2017: il tour europeo, la versione deluxe di California, un nuovo album live, un nuovo documentario e la vittoria di un Grammy.

Per il 2017 di cosa non vedete l’ora?
Travis Barker (batteria): Non vedo l’ora di venire nel Regno Unito e in Europa in tour. Quando sono nel Regno Unito voglio solo stare fuori dai guai! Sono sempre nei guai quando vengo a Londra — amo Londra. Non vedo l’ora di venire lì.
Mark Hoppus (voce/basso): Siamo molto entusiasti di venire a suonare alla O2 [Arena] e in tutti gli altri posti nel Regno Unito. È passato molto tempo da quando siamo venuti ed è proprio l’ora di tornare e portare della musica rock! Potete aspettarvi un ritorno alla forma dei blink-182. Tutta la baldoria, tutti i successi, tutto il divertimento. Questa sarà la prima volta che verremo nel Regno Unito da quando Matt [Skiba] si è unito a noi. Matt è stato una grande aggiunta alla band; ha portato una voce fantastica, è un chitarrista fantastico, un compositore fantastico e un buon amico.
Travis, ci metti 10 giorni per venire nel Regno Unito in nave. Deve essere, ehm, abbastanza fastidioso...
T: Voglio dire, non ho molte possibilità, quindi è semplicemente così. Mi piacerebbe potermi teletrasportare lì e venire lì tutti i giorni. Cosa combino a bordo della nave? Corro un’ora e mezza al giorno; suono la batteria per circa due ore al giorno; e di solito mi porto un piccolo studio. Passo il tempo sulla nave a prepararmi per il tour, quindi quando arrivo lì sono pronto.
Cosa hanno in serbo i blink per il mondo nel 2017 oltre al tour?
T: La fine del 2016 [è stata passata] a lavorare alla versione deluxe di California e penso che sarà pubblicata all’inizio [del 2017].
M: Per la versione deluxe ci sono alcune canzoni che pensiamo siano grandiose. Quella era la parte più difficile nella pubblicazione dell’album: scegliere quali canzoni scartare, perché ci piacevano molto tutte. Quindi saranno nell’edizione deluxe, insieme ad altre, e sarà molto speciale. Le canzoni variano da quelle molto pop a quelle più dure e molto punk rock.
Siete stati ispirati a lavorare a qualcosa di nuovo?
M: Scriveremo un paio di nuove canzoni, vedremo come andranno e anche quelle potrebbero finire sul disco. Ma non ho scritto da quando abbiamo finito l’album. Abbiamo finito l’album, poi lo abbiamo pubblicato e poi siamo stati in tour, quindi non c’è stato molto tempo per scrivere musica! È stato tutto molto intenso da quando abbiamo pubblicato l’album!
I blink-182 hanno qualche obiettivo che vi piacerebbe raggiungere nel 2017?
T: Forse c’è [la possibilità di] un nuovo album live o, visto che il Blinkumentary [del 2009] non è mai uscito, abbiamo parlato di fare forse qualche nuovo documentario. Sarebbe cool.
M: Sarebbe cool avere un nuovo documentario con Matt nella band. Mi sono sempre piaciuti i documentari sulle band, solo per vedere come funzionano al loro interno. Faremmo meglio a vincere anche un GRAMMY! Se c’è una band nella storia della musica che merita un GRAMMY, sono i blink-182. Se non dovessimo vincere, significa che l’intero sistema è truccato.
Se aveste un solo desiderio per il 2017, quale sarebbe?
T: Beh, i Misfits si sono già riuniti, quindi non può essere quello. Credo semplicemente un altro anno positivo e generoso.
M: Che la gente mi rispetti come musicista (ride) e come essere umano. Voglio andare in Islanda quest’anno, leggere qualche romanzo... e ricevere un GRAMMY!

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus