Tom DeLonge è "completamente disponibile e interessato" a suonare ancora con i blink-182

Tom DeLonge è stato intervistato da Billboard.com e ha parlato della possibilità di ritornare nei blink-182, della situazione attuale con Matt Skiba e dei progetti a cui sta lavorando in questo momento.

Nonostante il rancore tra Tom DeLonge e i suoi compagni di band nei Blink-182 quando si sono divisi all’inizio di quest’anno, il chitarrista non ha chiuso le porte al suo coinvolgimento con il gruppo.

“Sono completamente disponibile e interessato a suonare ancora con quei ragazzi”, ha detto DeLonge a Billboard parlando del cantante Mark Hoppus e del batterista Travis Barker. “La gente me lo chiede ogni singolo giorno: ‘Torna, torna, torna’. E io dico alla gente che non ho dimenticato nulla e che sono grato per aver avuto quella band e quei ragazzi nella mia vita. E penso a quella band ogni singolo giorno della mia vita — a volte più volte al giorno. Amo quei ragazzi e amo la band e, sì, in futuro suoniamo assieme e capiamoci qualcosa o pazienza. Abbiamo solo bisogno di passare del tempo divisi perché vogliamo tutti cose diverse in questo momento. Quei ragazzi vogliono suonare e andare in tour sempre, ma sono coinvolto in alcune cose molto grosse e in alcune cose molto importanti.”

DeLonge è attualmente immerso in progetti multimediali con la sua compagnia To The Stars. In primo luogo la continuazione della saga fantascientifica Poet Anderson, che è iniziata con un cartone animato nel 2014 e con un fumetto, Poet Anderson: The Dream Walker, così come l’album degli Angels and Airwaves The Dream Walker. Sulla strada c’è un romanzo, Poet Anderson...Of Nightmares (previsto per il 6 ottobre), di cui è co-autore con la scrittrice Suzanne Young, e un EP di accompagnamento con lo stesso nome che verrà pubblicato il 4 settembre.

“Ciò che sto facendo ora è l’assoluto epicentro e il nucleo di quello che voglio fare artisticamente”, ha spiegato DeLonge. “Devo finire queste cose prima di poter tornare e celebrare qualcosa che ho fatto molto tempo fa, se questo ha senso.”

DeLonge ha spiegato che ha effettivamente mostrato l’idea di Poet Anderson a Hoppus e Barker. “Mi sono seduto in una stanza e ho mostrato loro le animazioni e tutto il resto e ho detto: ‘Volete fare questo con me?’ E c’era un pochino d’interesse, molto silenzio imbarazzante e molte e-mail che sono state semplicemente ignorate”, ha detto. “Quindi sono andato avanti e l’ho realizzato. Non è che sto facendo queste cose e non ho chiesto loro di proseguire il viaggio, mai. La gente non sa queste stronzate perché non sono andato là fuori a parlarne.”

Per quanto riguarda la fine della loro collaborazione musicale, DeLonge ha detto che è “deluso” dalla reazione di Hoppus e Barker, comprese le aspre parole sia sulla stampa che sui social network.

“Le amicizie sono molto complesse quando gli affari si intrecciano con esse e la radice di come sono iniziate le cose”, ha notato. Ma DeLonge insiste che non è preoccupato dalla decisione dei suoi ex-compagni di band di andare avanti con Matt Skiba degli Alkaline Trio al posto di DeLonge.

“Non bado a nulla. Voglio che la gente sia felice”, ha detto DeLonge. “Io e quei ragazzi assieme eravamo una cosa molto specifica. Se vogliono suonare le canzoni che ho scritto perché è quello che vogliono fa e li rende felici e vogliono guadagnarsi da vivere, va bene. Non è che mi rende straordinariamente geloso e mi faccia sentire come se dovessi stare sul palco con loro. Non sono fatto così. Non mi avrebbe disturbato se mi avessero chiamato e chiesto: ‘Ehi, se sei molto occupato, ti dispiacerebbe se facciamo queste cose?’ Avrei risposto: ‘Cavolo, fate pure’. Ma semplicemente non è mai andata in questo modo.”

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus