Travis Barker vuole andare avanti e oltre con i blink-182

Travis Barker è stato intervistato da Yahoo! Music per parlare del Musink 2015 e della situazione attuale dei blink-182. Questa intervista riprende i temi trattati da Travis nell’intervista rilasciata settimana scorsa a Alternative Nation.

“Quando è successo tutto questo, io e Hoppus eravamo seduti e ci dicevamo: ‘Siamo un po’ fottuti, ci eravamo impegnati a suonare e adesso non suoneremo’”, ha detto. “Avevano fatto il tour Australiano in passato senza di me perché non volo, così io e Mark ci siamo detti: ‘Facciamo questo concerto senza Tom e procediamo’. L’unica persona a cui abbiamo pensato che avrebbe potuto spaccare è stata Matt Skiba, perché è un chitarrista, canta e siamo entrambi suoi fan.”

Mentre i titoli si sono concentrati sulla faida tra i tre membri della band, Barker ha detto che lui e Hoppus stavano già provando con Skiba e il risultato ha fatto sentire la band completamente rinvigorita.

“Dico questo senza nessuna cattiva intenzione: [Matt] sta spaccando. Una cosa è avere qualcuno lì che non è solo motivato ed entusiasta di suonare, ma canta intonato; ora le armonie esistono”, ha detto. “È diverso al 100 per cento ed è fantastico. È come quando ti succede qualcosa e pensi: ‘Dannazione, questo è il modo che dovrebbe essere’. Quindi è deludente come è successo, ma è fantastico.”

Secondo Barker, una grande parte del problema era che il cuore di DeLonge non era nei Blink. “Se mi presentassi a questa intervista e dicessi ‘Oh, accidenti’, non vorresti nemmeno fare questa intervista. Dovresti cogliere la mia sensazione”, ha detto. “Questo è come era suonare alla prove con il tizio per sempre. Guidavi in Orange County per provare, guidavi un’ora e mezza per essere lì, il tizio era deluso, rammaricato o si sfogava su qualcosa. Adessi diciamo tutti: ‘Tutti hanno i propri problemi, suoniamo, divertiamoci, siamo felici e spacchiamo’. Quindi ci si sente bene a essere così”.

Per Barker, in particolare, l’energia negativa non era qualcosa con cui vuole avere a che fare. “Dopo il mio incidente aereo e tutto il resto, mi sono promesso di non avere a che fare con le stronzate. La vita è troppo corta, amico. Siamo tutti sani, siamo abbastanza fortunati a suonare in una band che è adorata da milioni di persone e, se dai tutto questo per scontato o ci sputi sopra, fai le tue cose”.

Per ora, Barker pensa che il meglio sia che DeLonge vada avanti, ma non chiude la porta in nessun modo a dei concerti futuri con tutti e tre come Blink. “Abbiamo provato a farlo per X anni, ha lasciato tre volte, siamo arrivati in un ambiente sano e andiamo avanti”, ha detto. “[Ma] non sono in nessun modo o forma arrabbiato con lui. Semmai, spero solo che ammetta di non voler stare nella band e di andare avanti a fare le sue cose. In questo momento sta usando la carta della compassione. E non mi fa neanche girare i coglioni, è solo una cosa infantile. Ma se tra qualche anno avrà senso, non dirò mai di no”.

Per ora vuole solo concentrarsi sul Musink, visto che ha curato la lineup ed è molto speciale per lui — specialmente con tanti cari amici nel programma di tre giorni, dai Rancid ai Prayers, una band di San Diego che sta attualmente producendo.

“I Prayers sono un gruppo a cui sto producendo l’EP in questo momento e fanno della musica cholo-Goth. È pazzesca e c’è qualcosa di molto punk-rock, come nessuna canzone che supera i 2:30, 2:50. Quindi era una cosa semplicissima, ci sono loro e Yelawolf nella giornata dei Blink, perché Yelawolf può saltare su qualsiasi cosa, può fare tante cose”, ha detto. "E i Rancid, Tim [Armstrong] è come se fosse mio fratello, è il loro primo concerto quest’anno e suoneranno, penso, 20 [concerti] quest’anno, quindi, per me, che il loro primo concerto sia al Musink è piuttosto fottutamente fantastico”.

Avendo debuttato l’anno scorso come curatore del Musink, Barker sapeva cosa voleva fare quest’anno. “Quest’anno avevamo l’obiettivo in mente di avere tre giorni con lo stesso genere musicale, così la gente che avrebbe comprato l’abbonamento da tre giorni sarebbe stata entusiasta. Ma è più o meno la stessa idea, solo un po’ più grande quest’anno”, ha detto. “Siamo diventati una grande parte degli eventi nell’Orange County e penso che il livello delle band sia un po’ più grande. I Bad Religion sono un band piuttosto grande, i Rancid sono un band piuttosto grande, i Blink. È figo, perché la maggior parte della gente che suonerà sono miei amici.”

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus