Travis Barker al Total Human Optimization Podcast

Travis Barker parteciperà al Total Human Optimization Podcast di Onnit, una società che produce integratori e attrezzature sportive. Il podcast andrà in onda in diretta oggi, 9 gennaio, alle ore 22:30 italiane.

Potrete seguire il podcast in diretta qui sotto (in seguito sarà possibile rivederlo in differita):

Ecco un riassunto di quello che ha detto Travis Barker durante il podcast.

  • Travis Barker ha iniziato a parlare con Aubrey Marcus del fatto di essere diventato vegano dopo essere stato vegetariano e di come questa dieta lo aiuti nella vita quotidiana.
  • Travis Barker ha raccontato che da bambino picchiettava di tutto e quindi i genitori, che non erano musicisti, gli hanno regalato la prima batteria. Ha così iniziato a passare ore e ore nella sua stanza a suonare la batteria.
  • A 12-13 anni ha scoperto lo skateboard che è diventata un’altra delle sue passioni, ma quando è morta sua mamma si è concentrato soprattutto sulla batteria. Alla high school di Fontana ha suonato in una band jazz e nella marching band dell’istituto e provava prima di andare scuola, nella pausa pranzo e quando aveva un momento libero. Anche adesso si allena sempre alla batteria anche quando non ha un concerto in programma, perché non pensa che sia un lavoro per lui.
  • Travis Barker ha raccontato che quando ha lasciato la casa dei genitori e faceva lo spazzino il suo obiettivo era di guadagnarsi da vivere suonando la batteria riuscendo a mangiare e avere un posto per dormire. Ha iniziato a suonare con i Feeble, ma era un batterista gigolò che avrebbe suonato in qualsiasi gruppo che lo avrebbe pagato.
  • Dopo i Feeble, Travis Barker è entrato a far parte de The Aquabats. In un tour The Aquabats erano la band di supporto dei blink-182 e in un concerto Scott Raynor non poteva suonare e quindi Travis, per sostituirlo, ha dovuto imparare 21 canzoni in 45 minuti. Tre settimane dopo quel concerto i blink-182 hanno chiesto a Travis se sarebbe voluto diventare il batterista della band.
  • Dopo l’incidente aereo, Travis Barker non riusciva a muovere bene la mano sinistra e pensava che, operazione dopo operazione, non sarebbe stato in grado di suonare come prima o di avere tutta la mobilità.
  • Nonostante la fama e il successo, la passione di Travis Barker per la batteria non è mai diminuita.
  • L’obiettivo di Travis Barker per Give The Drummer Some e per il suo secondo album da solista è di avere un album con tutti gli strumenti suonati live e di ripensare l’hip hop e la musica in un periodo dove viene tutto prodotto in eccesso con la musica elettronica.
  • Una difficoltà che ha avuto Travis Barker è stata che, essendo mancino, ha dovuto imparare a suonare la batteria come se fosse destro.
  • Durante un tour in Australia con i blink-182, Travis Barker si era rotto un piede salendo sul pullman e il loro manager gli aveva detto di fumare un po’ di erba che sarebbe passato tutto. Travis ha così dovuto imparare a suonare tutte le canzoni della scaletta con un piede solo ed è stato così per tutto il tour. È successa poi la stessa cosa quando si è rotto il braccio girando il video di When Your Heart Stops Beating e ha dovuto suonare per tutto il tour dei +44 con un braccio solo. In quell’occasione lo ha chiamato Game per suonare all’AOL Sessions; all’inizio era titubante, ma poi, dopo aver fumato tre spinelli con lui, hanno registrato senza fare prove o soundcheck.
  • Travis Barker ha sempre voluto provare a fare qualcosa oltre al punk rock e al rock ed è per questo che ha collaborato, per esempio, con Steve Aoki. In queste collaborazioni o in quelle con Yelawolf o Eminem, Travis ha voluto aggiungere una batteria live a delle performance che hanno di solito una base elettronica pre-registrata.
  • A Travis Barker piacciono molto quelle canzoni che danno energia, ma la maggior parte delle volte che si allena o va a correre non ascolta nulla perché preferisce pensare.
  • Travis Barker ha parlato di come si allena con alcuni prodotti della Onnit e di come lo aiutano a suonare la batteria.
  • Per Travis Barker, le cose migliori della sua vita sono di essere sobrio da due anni, visto che fumava da quando aveva 18 anni, e fare un lavoro che ama e che è la sua passione.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus