Interviste agli Angels And Airwaves per promuovere "Poet Anderson: The Dream Walker"

Dopo la pubblicazione del trailer del cortometraggio Poet Anderson e dell’intervista di Pure Volume, sono usciti molti altri articoli dedicati a Poet Anderson: The Dream Walker degli Angels And Airwaves.

Qui sotto potete leggere i riassunti delle novità raccontate negli articoli di Alternative Press, Diffuser.fm e Graphic Policy.

  • Tom DeLonge ha voluto creare il mondo dei sogni di Poet Anderson simile a quello di Blade Runner e ha voluto mischiare i suoi personaggi preferiti che sono Boba Fett di Guerre Stellari e Tron. Il personaggio di Poet Anderson è nato un decennio fa perché Tom non si relazionava con i supereroi di Disney, Marvel e DC Comics. Il ragazzino con la bombetta e l’ombrello è una specie di nuovo Peter Pan per Tom.
  • Poet Anderson è un orfano e ha un fratello in coma. Pensa che l’unico modo per contattare le persone che ha perso durante la vita sia attraverso i sogni coscienti.
  • Tra i Dream Walker ci sono i buoni e i cattivi che combattono tra loro proteggendosi e attaccando utilizzando la propria aurea che corrisponde all’anima.
  • Gli Angels And Airwaves sono riusciti a diventare un progetto multimediale grazie alla To The Stars. Rimangono piccoli, ma possono fare grandi cose. Con il progetto di Love hanno fatto un film da indipendenti, mentre ora è stato più facile farlo a un livello superiore.
  • Tom DeLonge ha voluto che ogni singolo elemento del progetto Poet Anderson: The Dream Walker fosse il meglio possibile in modo che possa essere usufruito singolarmente. Il progetto è per tutti, ma è dedicato in particolar modo ai giovani adulti.
  • Questo autunno verranno pubblicati in tutto il mondo dei fumetti e dei romanzi a fumetti.
  • La seconda bozza del film con attori in carne ed ossa è quasi finita e dovrebbero iniziare a girarlo tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo.
  • La serie a fumetti POET sarà formata da tre numeri e verrà pubblicata in primavera dalla Magnetic Press sia in digitale che in forma fisica. Sarà un prequel e parla della storia di Jonas Anderson, un adolescente scansafatiche immaginario che scopre l’innata abilità dei sogni coscienti che gli apriranno un mondo fantastico. La storia è stata scritta da Tom DeLonge e Ben Kull, le illustrazioni sono di Djet Stéphane e le copertine sono state disegnate tra gli altri da Gerald Parel e Bengal .
  • Il romanzo scritto da Suzanne Young del New York Times dovrebbe uscire a giugno del 2015.
  • La nuova musica degli Angels And Airwaves ha fatto un grosso passo avanti ed è più matura e complessa grazie all’arrivo di Ilan Rubin.
  • Ilan Rubin ha incontrato Tom DeLonge tre anni fa ed è entrato a far parte degli Angels And Airwaves quando il progetto Love era già tutto pronto. Dopo alcuni tour hanno iniziato a lavorare al nuovo album due anni fa concentrandosi sull’idea di Poet Anderson che Tom DeLonge aveva avuto diversi anni prima e cercando di far combaciare i propri impegni.
  • Per Ilan Rubin, lui e Tom DeLonge hanno iniziato pian piano a riuscirsi a capire musicalmente e infatti le ultime canzoni che hanno scritto sono le migliori e sarà interessante vedere cosa ne uscirà col prossimo album.
  • The Wolfpack potrebbe essere il primo singolo di The Dream Walker. È una canzone molto elettronica e parla dell’industria musicale. La frase “That girl bites like a wolf” significa che l’industria musicale può essere molto sexy, ma che può fare anche molto male. La frase “Like thieves that can eat with a wolf pack” è dedicata a coloro che criticano la musica senza capirne l’arte.
  • Tunnels è la prima canzone scritta da Tom DeLonge per The Dream Walker ed è una delle canzoni preferite sia per lui che per Ilan Rubin. Tom DeLonge aveva spiegato la storia dietro a Tunnels in un’intervista con Rolling Stone.
  • Bullets in the Wind inizialmente si intitolava Liberty Radio e ha un riff simile a quello di Pour Some Sugar On Me dei Def Leppard. Ha alcuni echi e riverberi spaziali e a Tom DeLonge ricorda i Clash, mentre per Ilan Rubin ha qualcosa dei Police (che sono una delle poche band che influenzano entrambi).
  • Per Tom DeLonge, Aaron Rubin ha fatto un lavoro stupendo co-producendo l’album e ha rischiato di morire durante la lavorazione, perché era caduto da una balconata durante un concerto dei blink-182.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus