Come "Enema of the State" ha cambiato la vita di Tom DeLonge

Tom DeLonge è stato intervistato da Wondering Sound e partendo da Enema of the State ha parlato della sua gioventù, dei suoi figli, del nuovo album degli Angels And Airwaves e dell’inizio delle registrazioni del nuovo album dei blink-182.

La ragione per cui stiamo parlando oggi è perché al Wondering Sound abbiamo iniziato una rubrica mensile in cui scegliamo un album, i nostri redattori passano un paio di settimane ad ascoltarlo e discutiamo sul suo impatto su di noi e sulla cultura pop. Il primo che abbiamo scelto è Enema of the State. Ho iniziato ad ascoltare i Blink-182 quando quell’album è uscito, quando avevo 12 anni. Io e i miei amici siamo venuti ai tuoi concerti, avevamo le magliette e i poster, tutto questo. Di quali band eri veramente entusiasta quando avevo 12 anni?
Ho iniziato a interessarmi alle band punk rock quando avevo 12 anni, quando ero in seconda media. Mi interessavano Stiff Little Fingers, All e Dinosaur Jr. Sono andato a fare una visita [a un mio amico] in Oregon e mi ha mostrato questi dischi e mi hanno cambiato la vita. Da quel momento in poi sono diventato una persona completamente diversa.
Che tipo di persona eri a quell’età?
Uscivo con il mio solito gruppo di amici come si fa quando si va a scuola, ma avevo appena iniziato ad andare in skateboard e mi stava prendendo molto — nessuno degli altri miei amici faceva molto quelle cose. Mi sono interessato a molte stronzate che non avrei dovuto fare. Avevo appena iniziato a interessarmi a un gruppo duro di skateboarder, quindi stavo trasformando una normale vita da studente delle scuole medie in quella di piccolo ragazzino skater punk-rock, che è stato un cambiamento di atteggiamento, un cambiamento di personalità, un cambiamento di moda — come molti stili di vita è stato un cambiamento cerebrale.
Come ti vedevi allora? Cosa pensavi di voler essere quando saresti cresciuto?
Volevo solo essere l’opposto dei miei genitori. Non mi identificavo in loro per nulla. Mia mamma era molto interessata alla chiesa, mio papà no, litigavano tutto il tempo, non avevano soldi — tutte le mie intenzioni erano di andare via. Quindi lo skateboard è stata una specie di prima macchina. Volevo solo andare su quella cosa e andarmene.
Quanti anni hanno i tuoi figli ora?
Mia figlia ne ha 12. E mio figlio ha 8 anni. È pazzesco — Spero che non vogliano andarsene.
Quale tipo di musica ascoltano?
Mio figlio si interessa ad alcune canzoni che ama. Gli piacciono le cose che hanno molta energia. [Quando accendo] la stazione death metal sulla radio satellitare, lui pensa che sia fantastica. Mia figlia, lei è più un tipo da Vampire Weekend o Tegan and Sara.
Enema of the State è uscito quando avevi 23 anni. A quel tempo come immaginavi il futuro della carriera della tua band?
Sapevo che era il nostro miglior disco. Non pensavo che stesse diventando una cosa pazzesca. Ricordo quando siamo andati in tour, al Warped Tour, e noi ed Eminem eravamo in tour [ride]. Non avrei mai pensato che uno di noi avrebbe ottenuto quanto abbiamo fatto, capisci? In retrospettiva, ti guardi indietro e pensi: “Oh, ho capito. Ho capito perché”. Ma a quel tempo? Un rapper bianco di Detroit e tre brutti ragazzi di San Diego che sapevano a malapena suonare — a dir la verità Travis ha sempre saputo suonare, ma non aveva alcun senso.
Quali sono i tuoi ricordi preferiti nel realizzare l’album?
Ci abbiamo lavorato in tre studio nel corso di tre o quattro mesi. Il nostro primo disco ci ha occupato tre giorni, il secondo da quattro a sei settimane o qualcosa del genere e Enema of the State è stata una cosa da tre o quattro mesi. E poi il successivo è stato di sei mesi e quello successivo un anno. Ricordo che ci siamo trasferiti un paio di volte in quel periodo di tre mesi, ma abbiamo scherzato molto, ci sentivamo molto bene — ci sentivamo come se suonassimo bene. È stata la prima volta che ci sentivamo suonare bene, quindi è stato entusiasmante.
Quale cosa ricordi fosse la più difficile?
La cosa più difficile è stata suonare bene. A quel tempo non era sui computer, era tutto su nastro, quindi la tua performance doveva essere perfetta e non era una cosa di cui eravamo abituati — eravamo solo una garage band. Quindi fare una cosa come quella è stata un’esperienza educativa e ci ha insegnato quanto fossimo fuori.
Che cosa vuoi che qualcuno ti avesse detto prima del successo di questo album e della band?
Di tenere il controllo della nostra immagine. Perché non sapevamo che libertà d’azione le case discografiche di tutto il mondo si sarebbero prese per pubblicizzarci per fare soldi. Non avevamo nessuna idea. Eravamo così ingenui che correvamo in giro nudi, ma lo rendevano così patinato, lo mettevano sui poster e facevano in modo che sembrassimo una specie di boy band erotica o altre stronzate del genere. Arrivavamo dalla scena punk, ma la casa discografica aveva creato un’intera moda intorno a noi che non riuscivamo nemmeno a capire; siamo solo stati un po’ coinvolti. Quindi ci è voluto un po’ per scavare e tornare a quello che eravamo veramente. Ed è difficile farlo quando delle persone hanno speso milioni di dollari per mostrarti in un modo che non eravamo.
Quale tipo di cose la casa discografica vi ha chiesto di fare o cosa vi ha sorpreso di come vi ha pubblicizzato?
Creavano poster da foto strane o preparavano un servizio fotografico e pensavi che fosse divertente [ma] non capivi cosa sarebbe successo dopo. Su Take Off Your Pants and Jacket ci siamo tornati in seguito e abbiamo fatto molti cambiamenti.
A parte i cambi estetici che sono arrivati dal marketing, ci sono state anche delle differenze gigantesche nella musica effettiva in confronto ai dischi precedenti della band. Quanto è stato consapevole?
Sapevamo che il punk rock stava diventando pulito. I NOFX [sono stati] una band punk con cui siamo cresciuti ascoltandola e hanno un disco che si intitola Punk in Drublic che è fantastico. È stato un cambio di gioco; suonava bene. Se lo si ascolta ora, non suona bene, probabilmente, ma per la scena punk — dagli anni ‘80 ai primi anni ‘90 il punk non ha mai suonato in quel modo. Volevamo portarlo al livello successivo e [il produttore di Enema] Jerry Finn, a quel tempo, stava lavorando con Green Day, Jawbreaker e Rancid — è stato coinvolto dalle band punk rock più cool che stavano facendo gli album più grandiosi. Quindi questa era la cosa da fare, era di elevare la forma d’arte e volevamo essere alla pari dei più elevati [ride].
Qual è stata l’ultima volta che hai ascoltato Enema of the State?
Oh cazzo, non lo so. Probabilmente 15 anni fa. Probabilmente 14 anni fa.
Quando ascolti ora quelle canzoni, cosa ricordi delle persone che sono state coinvolte nella realizzazione?
Jerry Finn era super divertente, molto, molto esperto, grande istinto viscerale. Ci fidavamo della sua opinione. Abbiamo imparato che era cool. Il tecnico aveva fatto dei dischi country e altre cose ma era una grande tecnico, ma era molto diretto e sembrava un grande tecnico. È stato fantastico avere un tizio che era chiaro e intransigente sulle questioni tecniche delle cose e Jerry era calmo e rilassato.

Ricordo che nessuno credeva in noi, ricordo che alla casa discografica non credevano in noi. Ci è voluto un anno e mezzo ma abbiamo avuto un successo con la nostra prima pubblicazione, Dude Ranch. Ci è voluto un anno e mezzo per far funzionare [“Dammit”] ma in qualche modo ha funzionato. Non era una canzone da radio naturale... ma lo è stato per la grazia di Dio e Allah assieme. Come se Gesù e Allah fossero arrivati assieme come una squadra bipartisan e avessero fatto funzionare la canzone. Quindi siamo usciti con questo disco dal nulla e la casa discografica ha pensato: “Cazzo, c’è qualcosa qui”. Li ha presi di sorpresa.

Ricordo che ero seduto nell’ufficio del presidente [della casa discografica]. Avevo un cappellino di lato, avevo gli anelli al naso e altre stronzate e mi disse: “Ti dirò tre cose” ed eravamo solo io e [il nostro manager] Rick. [Disse:] “State per fare più soldi di quelli che avete mai immaginato di poter fare. State per essere più famosi di quello che avete mai pensato fosse possibile. E suonerete nei palazzetti in autunno”. E io ero seduto lì, lo guardavo e ho riso letteralmente molto forte. Ho detto: “Sei fottutamente andato fuori di testa!” Ho guardato Rick e letteralmente c’è stata una risata forte e gutturale. Pensavo: “Sei fottutamente ubriaco!” Se mi aveste detto che un Babbo Natale verde stava marciando in strada con un UFO come cappello, vi avrei creduto di più. E tutte quelle tre cose sono successe. Sono successe tutte. E quello è stato uno dei momenti più fantastici della mia vita, ripensando a quella conversazione specifica.
C’è qualcosa che ripensandoci ora ti fa rabbrividire e qualcosa di cui ti penti?
Non mi pento di nulla, penso solo a qualche testo in certi punti [che avrei cambiato], ma no, nella sua totalità penso che sia un disco grandioso. Penso che, per quel tempo, fosse fenomenale. Non c’era mai stata una band pop-punk che suonava come filastrocche agli steroidi, almeno a livello mainstream. Ed è ciò che di solito sognavo ad occhi aperti. Pensavo che la radio potesse usarlo, potesse usare una band che era molto potente, orecchiabile, veloce, giovanile e angosciata. I Green Day volevano seguire i passi dei Clash, gli Offspring... erano più nelle sonorità della Epitaph Records, che amo, ma siamo rimasti intrappolati nel mezzo. Oppure i Rancid volevano essere i Clash; penso che i Green Day fossero più simili ai Ramones o simili. Era semplicemente diverso. Arrivavano dopo queste band cool e i Blink, non volevamo elevarci sopra il pubblico. Non volevamo metterci quelle giacche di pelle pazzesche e atteggiarci come se non ce ne fregasse un cazzo. Non ce ne fregava un cazzo perché ci stavamo divertendo ed eravamo così da bollino rosso [ride]. Se un tizio con una giacca di pelle si fosse avvicinato, saremmo arrivati a 50 ragioni per cui parlare di pelle su un corpo nudo. Ma c’era un posto per tutto questo. È tutto super importante, i Green Day e i Rancid — abbiamo guardato a quei tizi. Oggigiorno sono vicino a Mike Dirnt e Travis è super vicino a Tim Armstrong dei Rancid. Siamo tutti amici.
Quando ho scritto su Facebook che stavo ripercorrendo la vostra musica, ci sono state tantissime persone con cui non parlavo da anni che mi hanno mandato delle e-mail o hanno commentato solo per dire: “Sì! Ero un grande fan! Dovevo nascondere i miei dischi dai miei genitori!”
Subito dopo Enema of the State, siamo stati menomati. Il Congresso ci ha elencati tra le tre band più colorite di tutti i tempi con 2 Live Crew e Eminem e hanno provato a censurare la musica usando noi come esempio. E questo è successo con Enema of the State. Sono piuttosto orgoglioso di questo.
Quanta della vostra musica più vecchia hanno ascoltato i tuoi figli e cosa ne pensano?
Ne hanno ascoltata la maggior parte. La suoniamo spesso nei concerti — non penso che abbiano ascoltato i dischi ma sicuramente conoscono la maggior parte delle canzoni. Penso che li diverta. Ed è cool perché puoi spiegargli la differenza [tra Blink-182 e Angels & Airwaves]. Piace loro la mia musica ma possono distinguere le due cose. Spero che li ispiri a essere diversi.
So che c’è un nuovo album degli Angels & Airwaves che uscirà il prossimo mese. Come sta andando?
È una pubblicazione gigantesca per me. Lo abbiamo registrato per due anni e Halloween sarà il grande giorno, questo è tutto quello che posso dire. Ma ci sono tante cose associate. Gli Angels & Airwaves hanno un’intera società costruita intorno e lanceremo proprietà intellettuali che comprendono film, romanzi, animazioni e colonne sonore, quindi con questo album inizia qualcosa di più grande e più ambizioso. E suona follemente diverso, è una completa, completa evoluzione della band, quindi penso che la gente ne sarà entusiasta. Halloween sarà il Giorno 1.
Ho anche sentito che c’è un nuovo album dei Blink-182 in lavorazione. Quando ce lo dobbiamo aspettare?
Spero che riusciamo a farlo uscire per l’estate, ma vedremo.
Avete già iniziato a registrare?
La nostra prima vera grande sessione di scrittura sarà effettivamente tra poche settimane dove ci ritroveremo assieme e metteremo giù i primi brani.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus