Intervista sul tour europeo dei blink-182 a Tom DeLonge sul numero 1529 di Kerrang!

Sul numero 1529 di Kerrang! del 5 agosto 2014 è presente un’intervista a Tom DeLonge che parla del tour europeo dei blink-182.

Tom, non sei ancora stanco di suonare alla O2 Academy Brixton di Londra?
No, in modo assoluto – è un posto grandioso per suonare! Il Regno Unito è sempre stato come una seconda casa per noi – i fan sono super-fantastici. Alcuni accenti britannici sono completamente disorientanti. Una volta lasciata Londra, può diventare un campo minato – alcune parole che utilizzate sono strane. Un fanny pack [NdT.: “marsupio” in inglese americano e qualcosa come “pacco di figa” in inglese britannico] non è la stessa cosa nel Regno Unito, questo è sicuro!
Come ti prepari per i concerti relativamente piccoli come questo?
Mi rilasso con un paio di drink e ascolto musica super-rumorosa. Qualche volta ballo anche da solo. Su cosa? Amo tantissimi diversi generi musicali – possono essere Depeche Mode, Muse, Refused o Descendents.
Ascolteremo qualcuna delle vostre nuove canzoni a questi concerti?
Nessuna nuova canzone ancora! Abbiamo appena iniziato a lavorare all’album, quindi non uscirà prima dell’anno prossimo, ma varrà la pena aspettare! Come sarà? Abbiamo appena iniziato il processo, quindi non siamo molto sicuri su cosa dovreste aspettarvi... ma saprete che sono i blink-182.
Se avessi la possibilità di suonare un concerto in qualunque posto, dove sarebbe?
La Luna, sicuramente – sono ossessionato dallo spazio, come probabilmente saprete! Mi piacerebbe meno suonare nel mezzo del deserto del Sahara – farebbe molto caldo, col sudore, con tanta sabbia e nessuna ombra. Farebbe schifo.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus