Tom DeLonge parla a Alter The Press! di To The Stars, Angels And Airwaves e di come è diventato un autore per bambini

Alter The Press! ha intervistato Tom DeLonge e ha parlato della società To The Stars, del nuovo modo di scrivere le canzoni degli Angels And Airwaves con Ilan Rubin, del libro The Lonely Astronaut On Christmas Eve, del nuovo progetto Poet Anderson, del nuovo album degli Angels And Airwaves e del tour a fine 2014 degli Angels And Airwaves.

“Stanno così le cose. Ho il disturbo da deficit di attenzione e ho questa società che era un hobby che ho fatto diventare una cosa vera”, ha detto Tom DeLonge quando ha descritto la sua società recentemente lanciata, To The Stars. “Facciamo cose per l’intrattenimento, cose tecnologiche e costruiamo brand. Ho l’abilità, che è probabilmente una brutta cosa, di fare un sacco di strane stronzate in qualunque modo voglia. Finchè non sono un fiasco clamoroso, sono abbastanza di supporto!”

L’hobby precedente dell’originario di San Diego si è ora espanso in un impero che la base nel sud della California, che è anche la casa delle sue altre iniziative imprenditoriali Macbeth Footwear e Modlife – una tecnologia che crea fan club per gli artisti, con una lista impressionante che va da Pearl Jam a Kanye West ai Nine Inch Nails.

Quando descrive l”origine di To The Stars, DeLonge dice: “Questo ero io che mi chiedevo come monetizzare le arti perché la musica è gratuita. Abbiamo capito che è possibile mischiare insieme i prodotti fisici con quelli digitali, scaricherai l’album ma vorrai assieme anche il poster in edizione limitata e il disco in vinile. Quando abbiamo fatto questo con Modlife, siamo venuti a capo di come sarebbe dovuto essere il business ma non l’arte”.

L’idea dietro l’ultima iniziativa di DeLonge era di unire tre settori assieme: musica, film e merchandise, per tutto il tempo mantenendo la sua band Angels & Airwaves – di cui gli ultimi due album, LOVE e LOVE: Part Two, sono stati preceduti da un film e da un romanzo a fumetti - in prima piano del progetto.

“Gli Angels & Airwaves non sono veramente una band. Abbiamo sempre detto che siamo un progetto artistico perché siamo parte di questa grande idea di cosa stava diventando To The Stars”, ha continuato DeLonge. “Prendere del bel merchandise prezioso e mischiarlo con l’industria musicale e cinematografica: caratteristiche che durano di più di un album”.

Il quartetto alternative/rock ha lavorato duramente per scrivere le canzoni negli ultimi tre anni per il loro prossimo album, programmato per essere pubblicato a Halloween 2014, che DeLonge descrive come una deviazione enorme rispesso al suono precedente della band.

“Ci sono cose che non cambieranno mai, come la mia sensibilità melodica e il modo con cui scrivo. Ma le strutture delle canzoni, gli arrangiamenti, le progressioni armoniche e le tonalità sono tutte cambiate radicalmente”, ha detto. “La maggior parte di tutto questo lo avevo fatto io da solo con i primi quattro dischi e volevamo mantenerli etichettati in un particolar modo come con dei certi suoni e idee. Quando abbiamo concluso l’intera saga di LOVE, abbiamo potuto metterla da parte e smettere di scrivere altre canzoni inneggianti sul come ci si vede nel mondo. Lo abbiamo fatto e non abbiamo più bisogno di usare le stesse progressioni armoniche”.

Ma una cosa che DeLonge non aveva fino ad ora era Ilan Rubin, che si è unito agli Angels & Airwaves come loro nuovo batterista nel 2011 ed è diventato il compagno di scrittura che non aveva mai avuto in passato. “Penso che avere un compagno di scrittura ha creato quel tiro alla fune che una band ha bisogno di avere. Quando scrivevo da solo, non c’erano tiri alla fune. Forse quello che stavo dicendo non era bello. Nessuno era lì a dirmi che non lo fosse.”

E adesso con il contributo di Rubin alla band, l’appassionato frontman non vede l’ora che il mondo possa sentire di cosa sono capaci gli Angels & Airwaves. “Sembrerà che abbiamo fatto 5 album tra l’ultimo album e questo. Sono molto entusiasta”.

Il quinto disco della band sarà la rampa di lancio della nuova impresa della band, Poet Anderson, che sarà accompagnato da una serie di romanzi a fumetti e da un film che è in sviluppo in questo momento. “Vorrei poterti dire tutto del film. Penso che sarà fenomenale. Non è solo ambizioso e molto figo. Sono ottimista sul fatto di essere in grado di controllare questa bestia e fargli prendere la forma di ciò che la band ha cercato di fare negli ultimi dieci anni”.

L’anno scorso DeLonge ha ampliato il suo portfolio in crescita costante della carriera aggiungengo ‘Autore di libri per bambini’ al suo curriculum con “The Lonely Astronaut on Christmas Eve” – il racconto di un esploratore solo nello spazio che voleva solo un abbraccio. L’idea “perché no?” di Tom è uscita dal nulla ed era un’estensione della saga di LOVE degli Angels & Airwaves ed era qualcosa da fare in un periodo di tempo libero ma c’è voluto comunque del duro lavoro. “Il libro per bambini è in realtà solo una canzone sulla musica che avevo in mente. Era speciale e divertente e ho pensato “perché no?”. Tutto alla To The Stars è come questo. Abbiamo così tante risorse per fare le cose, per vendere e distribuire le cose. Abbiamo la capacità di realizzare progetti progetti a tiratura limitata molto fighi. Dopo che lo abbiamo pubblicato, abbiamo trovato molto entusiasmante fare cose come questa e pensare a cosa si sarebbe potuto tirar fuori dal cilindro nel tempo”.

Quando è uscito l’annuncio del libro di un trentottenne, è stata sicuramente l’ultima cosa che lo zoccolo duro dei fan si sarebbe aspettato, specialmente considerando il suo famigerato senso dell’umorismo pieno di parolacce. “Non sto scherzando, è stata una decisione difficile non renderlo un libro per bambini perché basta davvero una cazzata ed è vietato ai minori di 17 anni!” dice ridendo DeLonge. “Abbiamo battagliato molto sulla discussione se avremmo dovuto aggiungere solo un po’ di cazzi e renderlo molto strano e se farlo semplicemente molto figo e buono. Ad essere onesti, pensavo che quello figo e buono sarebbe stato molto più inaspettato, questo è il motivo”.

Adesso che sono passati sei mesi dall’inizio del 2014 e con l’uscita del 31 ottobre programmata per l’album tanto atteso degli Angels & Airwaves, il musicista/imprenditore spiega che questa è solo la data del calcio d’inizio del progetto della band Poet Anderson. Dopo una pausa di due anni, torneranno a suonare alla fine di quest’anno con una serie di concerti segreti e con a seguire un tour per tutti gli Stati Uniti d’America. “Sarà abbastanza fantastico,” ha detto DeLonge. “Non saranno posti giganteschi. Se c’è qualche fan che vuole vedere suonare la band, perché sono passati un paio di anni, questo è il posto per farlo. Suggerisco loro di seguire il sito [AngelsAndAirwaves.com], che lanceremo tra poche settimane”.

Quando guarda a cosa il futuro potrebbe portare alla To The Stars, DeLonge spiega che l’obiettivo della società è di essere un posto dove le altre band e gli altri registi con proprietà intellettuali possano sviluppare le loro idee e portarle in vita. Ma in questo momento il progetto Poet Anderson degli Angels & Airwaves è al centro dell’attenzione e mostrerà cosa la To The Stars è veramente capace di fare.

“Gli Angels & Airwaves non sono solo quattro ragazzi. Sono una parte della To The Stars e sono un insieme di grandissimi artisti che sono qui, in Portogallo, a Los Angeles, a New York e ovunque. Stiamo lavorando tutti insieme per rendere realtà questa cosa. Vediamo come va”.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus