Pre-ordinare "Can I Say", la biografia di Travis Barker

Su Amazon è possibile pre-ordinare “Can I Say: Living Large, Cheating Death, and Drums, Drums, Drums”, la biografia di Travis Barker. Il titolo “Can I Say” riprende la frase tatuata sul suo petto, che a sua volta è un omaggio al titolo dell’album dei Dag Nasty.

A differenza di quanto preannunciato dallo stesso Travis Barker, il suo libro non uscirà in autunno, ma sarà disponibile già dal 24 giugno 2014. Travis Barker ha scritto la sua biografia con Gavid Edwards, giornalista del Rolling Stone.

La biografia che mette a nudo l’anima di Travis Barker racconta gli alti e i bassi dell’arte del rinomato batterista e della sua vita, compreso lo straziante incidente aereo che lo ha quasi ucciso e la sua strada traumatica per il recupero — una storia affascinante mai raccontata completamente prima di una reinvenzione personale fondata nella salvezza musicale e nella paternità.

Dopo aver fatto il botto come acclamato batterista della band punk multiplatino Blink-182, è cambiato tutto per Travis Barker. Ma il lato oscuro della fama nel rock ha preteso il suo tributo: il suo matrimonio, raccontato in un reality show di MTV, è caduto a pezzi. Essere in tour costantemente ha celato una grave tossicodipendenza. La resa dei conti non è mai veramente arrivata fino a quando non è stato costretto ad affrontare la mortalità: la sua vita si è quasi conclusa con un incidente aereo spaventoso e poi il suo amico intimo, collaboratore e compagno sopravvissuto all’incidente DJ AM è morto per un’overdose.

In questa biografia schietta e spontanea, Barker riflette su fama nel rock, paternità, morte, perdite e riscatto condividendo storie plasmate da decenni di intuizioni duramente guadagnate. La sua biografia pulsante è energetica come i suoi tanto acclamati ritmi. Porta a termine i primi capitoli di una vita ben vissuta, ispirando i lettori a seguire il ritmo del proprio cuore e a trovare il significato della propria vita.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus