All The Small Talks, l'intervista dei fan a Mark Hoppus per il numero 1500 di Kerrang!

A dicembre Kerrang! ha organizzato un'intervista a Mark Hoppus tenuta da alcuni fan dei blink-182. Per il numero 1500 di Kerrang!, uscito il 15 gennaio 2014, è stato pubblicato l'articolo qui di seguito.

Volete una strana conversazione? Semplice. Prendete uno dei padrini del pop-punk e mollatelo in una stanza piena di fan irriducibili. Questo è esattamente ciò che è successo quando Mark Hoppus ha affrontato i lettori di K! e qualsiasi domanda sui blink-182 è comparsa nelle loro teste.

Kelly Drury: "Ciaooo! Se tu potessi cavalcare qualsiasi cosa in una battaglia, cosa sarebbe?"
Ehm... Probabilmente starei sulle spalle di Travis. Travis [Barker, batteria] si allena molto e inoltre fa arti marziali miste, quindi cavalcherei lui in battaglia. Combatterebbe lui.
Kurt Fitzgerald: "Se tu potessi ascoltare una sola canzone per il resto della tua vita, quale sarebbe?"
Nessuna. Preferirei non ascoltare nessuna canzone che dover ascoltare una sola canzone per il resto della mia vita. Se fosse un solo artista, sceglierei i Beatles, perché tutti i loro album sono grandiosi e c'è una buona varietà di idee creative!
Sam Paterson: "La canzone dei blink Family Reunion è stata scritta effettivamente parlando di una riunione di famiglia?"
No, in effetti! Abbiamo suonato quella canzone come scherzo nei concerti per un po' di mesi e poi Fat Mike ci ha contattato. Stava facendo una compilation che conteneva solo canzoni sotto i 30 secondi [Short Songs For Short People del 1999], quello era il criterio, e quindi l'abbiamo registrata!
Katie Nicolls: "Se tu potessi cambiare qualcosa della tua carriera, cosa cambieresti?"
Niente. Mi sento solo molto fortunato ad essere dove siamo. Abbiamo fatto un po' di errori lungo la strada, ma in generale abbiamo avanzato sul lato positivo. Non cambierei nulla. Forse correre nudi un po' meno, perché è diventato il nostro marchio di fabbrica. Sono passati quasi 15 anni da quando abbiamo fatto qualcosa del genere e la gente continua a chiedere: "Stasera sul palco suonerete nudi?". E io rispondo: "Ho 40 anni! Non era divertente quando ne avevo 25 e sicuramente ora non è divertente!"
Alex Slater: "Se tu potessi essere in una qualsiasi band, del passato o del presente, quale sceglieresti?"
Sceglierei sia i Beatles che i Cure. I Cure erano la mia band preferita quando sono cresciuto e li idolatrerei solamente. Con i Beatles sarebbe interessante vedere come il mondo è cambiato intorno a loro. Hanno influenzato tanti artisti e cambiato la cultura, con stadi pieni di gente che gridavano così forte da non riuscire a sentirli suonare sul palco!
Jack Richardson: "Come ti prepari per suonare grandi concerti come i Festival di Reading e Leeds?"
A lungo termine, molte prove. A breve termine, bevendo un gin prima di salire sul palco. Ehm, non puoi prepararti veramente. Questi concerti sono così giganti, che devi solamente uscire e non pensare a tutte le persone!
Luke Boardman: "È difficile creare musica e stare vicino alla band mentre vivi a Londra?"
Sì. C'è molto lavoro e viene reso difficile. E stiamo per entrare in studio, quindi so che comporterà diversi mesi con me seduto negli hotel e che vado là, ma questo è lo spettacolo. Sono entusiasta!
Jamie Doherty: "In confronto agli altri album che hai realizzato, quanto sarà una sfida il nuovo album?"
Ogni album è una sfida a proprio modo. Per ogni album inizi le interviste e dicono: "Questo deve essere il vostro album migliore!". E noi come band diciamo: "Questo deve essere il miglior album che abbiamo mai fatto!". Quindi c'è la stessa pressione di sempre. Tutto deve essere la miglior cosa che tu abbia mai fatto, far impazzire la gente e cambiare il mondo. Quindi, nessuna pressione.
Josh Carvel: "Ripensando all'EP Dogs Eating Dogs (2012), pensi che la band abbia lavorato in un modo più efficace di Neighborhoods?"
Nel suo complesso, sì. Perché abbiamo scritto tutto con molta fretta in circa due settimane, quindi eravamo tutti molto concentrati. Per Neighborhoods, ci siamo riuniti e abbiamo passato un po' di giorni a discutere di un po' di idee e poi Tom [DeLonge, chitarra/voce] ha registrato a San Diego e io e Travis siamo stati a Los Angeles. Ma quando abbiamo fatto Dogs Eating Dogs, siamo stati tutti in studio a lavorare insieme e quindi è sembrato molto più orientato alla band rispetto all'individuo.
Charlie Lunn: "I blink hanno iniziato prima di internet e dei social network. Come pensi che avreste fatto le cose diversamente se foste nati in questa generazione?"
Non lo so... facciamo abbastanza schifo con internet in questo momento! C'era molto lavoro. Abbiamo dovuto farci le cassette e ho dovuto dagliare e piegare ogni singolo demo e portarlo al negozio di dischi. Ho ancora delle copie da qualche parte. E ho ancora l'originale che abbiamo portato da Kinko's [servizio di stampa/copia degli Stati Uniti]. È un bene che sia impossibile da trovare; non è un buon disco, registrazione o che abbia un valore di performance. Rimasterizzare quel disco non lo salverà!
Becca Moore: "Se tu potessi andare in tour con chiunque di un genere musicale diverso, chi sarebbe?"
Vorrei andare in tour con Kanye West, solo per esserne testimone. Solo per vedere cosa succede dietro alle porte chiuse. Penso che il ragazzo sia un genio.
Ellen Karey: "Se tu potessi scrivere solo un altro tweet, quale sarebbe?"
È inappropriato da dire, veramente. Ho un tweet nelle mie bozze, che è lì da circa un anno e mezzo, ma uno di questi giorni lo pubblicherò, chiuderò il mio account e spegnerò il mio telefono per il resto della mia vita.
Matt Milton: "Se voi tre dei blink foste in una rissa, chi vincerebbe?"
Travis. Mi piacerebbe dire che sarei io, ma sarebbe solamente una bugia.
Mark Wright: "Avete suonato First Date al programma di Conan O'Brien nel 2001 e sembrava che foste stati tutti picchiati. Era uno scherzo? Nessuno lo ha spiegato."
Era uno scherzo! Subito prima di salire sul palco ci dissero: "Bene, blink, salirete sul palco tra 10 minuti - andate a truccarvi". Quindi siamo tornati lì e la truccatrice aveva questa serie di foto che aveva scattato e alcune mostravano degli effetti speciali. Mi ha truccato un occhio nero! La mattina dopo chiamavano tutti dicendo: "Cos'è successo? Cosa cazzo è successo effettivamente a quei ragazzi?".
Zoë Edwards: "Dove ti vedi tra 20 anni?"
Vent'anni? Spero di continuare a fare quello che stiamo facendo. Amo ancora fare musica e non vorrei fare nient'altro. Quindi non so se i blink saranno ancora lì a quel punto. Non penso che i blink andranno mai via; non vorrei cambiarli. Continuerò a suonare il basso e a cantare canzoni. Non penso che ci scioglieremo. Penso che tutti noi amiamo stare nei blink. Penso che sia il fulcro di tutto ciò che siamo e qualcosa che abbiamo costruito, curato e cresciuto in 20 anni. Sono ciò che sono io - non voglio fare nient'altro!

Ecco un breve video registrato durante l'intervista:

Blink-182's Mark Hoppus is answering readers questions in the Kerrang! office for the forthcoming Readers Takeover issue! Total dude!

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus