Nessuno scherzo, i Blink-182 hanno trovato un mix felice tra passione e feste

I blink-182 sono stati intervistati da Chris Lee del LATimes.com durante il mini tour per il 10° anniversario dell'album "Untitled" per parlare di quell'album, dello scioglimento e del nuovo materiale.

Gli ultimi arrivati del pop punk Travis Barker, Mark Hoppus e Tom DeLonge hanno avuto bisogno di lotte intestine e tragedie personali per arrivare a una nuova tappa dell'ispirazione alternative rock.

Per l'aereofobico batterista Travis Barker il concerto richiede un viaggio veloce attraverso la città con una macchina ribassata. Il cantante-bassista Mark Hoppus ha volato per 5.400 miglia da Londra. E con quel gusto da rock star dove solo il cielo è il limite, il chitarrista-cantante Tom DeLonge ha evitato il traffico della 405 ed è arrivato in elicottero da San Diego.

Con il sole alto nel cielo autunnale, i Blink-182 del sud della California sono arrivati al Hollywood Palladium per trovare un centopiedi punk rock, una fila di fan super tatuati, con piercing stravaganti e con la cresta che aspettavano per il concerto sold out.

La scena ha reso Hoppus inusualmente pensieroso. "Ero quel tizio!", ha detto. "Ho visto moltissimi concerti al Palladium".

Con due performance al Palladium di fila esaurite in 36 secondi (e tre altre date programmate velocemente al Wiltern Theater di Los Angeles anche loro sold out), il prodotto della cultura pop-punk dei Blink-182 è ancora definito dall'adolescenza bloccata.

I Blink si sono fatti strada dal torpore suburbano di San Diego per diventare forse la meno probabile band alternative rock a conquistare la radio convenzionale. Ma questa band di fratelli che canta di burrito, scherzi telefonici e rapimenti d'alieni ha mai incontrato una battuta sui peni che non amava? Hanno perso quello spirito da mocciosi molto tempo fa.

Considerando che Barker è quasi morto nel 2008 in un incidente su un aereo privato con un incendio che ha ucciso quattro altre persone a bordo. DeLonge ha combattuto un cancro alla pelle nel 2010. E quasi tre anni fa Hoppus si è trasferito in Europa.

Per i loro concerti di novembre, la band si è allontanata dal suo materiale più vecchio e ha portato alla ribalta il suo capolavoro sottovalutato: l'album senza titolo del 2003 conosciuto comunemente come "Blink-182". Il piano era quello di suonarlo dall'inizio alla fine per la prima volta al Palladium, includendo sei canzoni che i Blink non avevano mai suonato prima in pubblico.

"Questo è di gran lunga il mio album preferito tra quelli che abbiamo fatto", ha detto Barker prendendosi una pausa dal suo allenamento in camerino. "È stato innovatore per noi".

Subito dopo la sua pubblicazione un decennio fa questa settimana, il CD self-titled arrivò come un grande balzo in avanti per i Blink. Si avvicinò alle influenze del rock post-hard-core della band Boxcar Racer di DeLonge e Barker acclamata dalla critica e fondamentalmente ha diviso i fan e spaventato i critici. Mentre vendevano più 2,2 milioni di copie e producevano una hit da primo posto (nella classifica alternative di Billboard) con la ballata potente e melanconica "I Miss You", l'album ha aperto divisioni interpersonali nella band e ha contributo allo iato che è durato dal 2005 al 2008.

Intenso come il loro momento di trasformazione da ragazzi a uomini, il CD self-titled ha fornito una svolta per il gruppo per mezzo della strumentazione sperimentale, testi più dark e totale assenza di umorismo da toilette.

"Eravamo la joke band. Eravamo i tizi che correvano nudi nel video", ha detto Hoppus, 41 anni, affiancanto dai suoi genitori in visita e dal figlio pre-adolescente nel backstage. "Volevamo dimostrare che c'era qualcosa di più profondo di quello. Volevamo trattare la nostra musica come una forma d'arte e vedere come avremmo potuto farlo veramente".

Raccolti in una stanza verde nel backstage, Barker, Hoppus e DeLonge sembravano più dei tizi che ricordavano i tempi della high school rispetto a delle star del pop-punk con più di 35 milioni di album venduti in tutto il mondo. Dopo aver comparato le note di alcuni burrito vegetariani, i tre hanno discusso dell'album che ha girato l'interruttore del loro momento creativo.

Nel 2002 si sono trasferiti in una villa nella comunità di lusso di San Diego di Rancho Santa Fe e hanno registrato per quasi sei mesi. In aggiunta ai comfort di rock star — pornografia pay-per-view in riproduzione continua, uno spazio per "fumare erba" in garage — il produttore Jerry Finn ha procurato alcuni strumenti decisamente poco punk, tra cui campane tubolari, contrabbasi e una tastiera polifonica a nastro o mellotron. Robert Smith dei Cure ha contribuito cantando nella canzone "All of This".

"Mark diceva 'A chi ... interessa cosa pensano gli altri? Questo è per noi'", ha ricordato DeLonge, 37 anni, una presenza in movimento alternato e pensierosa vestita in un nero da Johnny Cash. "Volevamo vedere dove saremmo stati se i cancelli fossero stati aperti".

Magro e intenso come un laser, Barker è stato chiamato "primo batterista superstar del punk". Ma come membro dei Blink meno loquace, quando parla gli altri prestano attenzione.

"Ho detto ai ragazzi: 'Facciamo finta che sia il nostro primo album'", ha detto Barker, 37 anni. "Non avevamo intenzione di supportarlo con un tour o fare dei video; doveva essere un progetto piccolo e silezioso".

Tuttavia al momento della pubblicazione nel 2003, "Blink-182" arrivò al 3° posto della classifica nazionale degli album, producendo due singoli di successo e diversi video.

"La gente ama il loro umorismo, ma probabilmente mette in ombra l'arte", ha detto Lisa Worden, direttrice musicale dell'influente KROQ-FM di Los Angeles. "Quando quell'album è uscito, ha mostrato il lato serio dei Blink — che fossero dei veri musicisti".

Ma il riconoscimento è arrivato con un prezzo da pagare. Ad ascoltare adesso il gruppo, Hoppus aveva difficoltà ad accettare la nuova direzione del gruppo.

"Ha sicuramente causato qualche stranezza", ha detto Barker.

Dopo essere stati in tour durante il 2004, i tre hanno essenzialmente smesso comunicare tra di loro. DeLonge si è tirato indietro ad andare ancora in tour, dando priorità alla famiglia rispetto alla band.

Hoppus ha descritto quel periodo diviso dei Blink come una "divisione acrimoniosa della band dove le persone si detestavano tra di loro e dicevano cose orribili degli altri nelle interviste".

L'incidente aereo di Barker, che gli ha lasciato delle cicatrici per le bruciature di terzo grado, ha portato i tre di nuovo insieme.

"Siamo in un buon posto", ha detto Hoppus. "Quando noi tre siamo nella stessa stanza, siamo tutti concentrati e entusiasti. Poi ognuno va per la propria strada e ci allontaniamo. Ci vuole qualcosa come questo quando tutti pensano: 'Oh, sì, questa cosa!'. E ci riuniamo e torniamo al lavoro".

La band ha fatto un tour enorme nei stadi negli ultimi due anni, ma al concerto più intimo del 6 novembre al Palladium, i Blink sono saliti sul palco con un benvenuto estatico.

Con niente di più che un "ciao" e l'assenza delle battute veloci che hanno caratterizzato i concerti dei Blink per due decenni, il gruppo ha suonato l'album senza titolo: DeLonge con tutto il suo vanto da rock-star e il falsetto scricchiolante, Hoppus facendo il pogo con una felicità stupida avanti e indietro per il palco e Barker, un'ombra con la velocità di un pistone e un'aggressione precisa dietro alla batteria.

Dopo aver lasciato dopo tanto tempo la casa alla Interscope Records, i Blink stanno discutendo per un nuovo contratto. Si aspettano di registrare il nuovo materiale entro 90 giorni. Nonostante la nostalgia che circonda il 10° anniversario di "Blink-182", l'idea è di canalizzare l'energia del 2003 nel nuovo materiale.

Passo 1: convivere in qualche luogo opulento nel sud della California per la durata delle registrazioni. Questa volta, ha detto Hoppus, stanno pensando a Malibu.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus