I Blink-182 puntano a un suono 'più tagliente' per il prossimo disco

Questa settimana Jonathan Bautts di AbsolutePunk.net ha avuto la possibilità di parlare con Mark Hoppus del nuovo disco dei blink-182. L'intervista completa uscirà lunedì.

Sembra che Neighborhoods sia stato quasi la progressione naturale dal disco Untitled, anche se sono passati otto anni, e poi so che c'erano anche alcune influenze degli Angels & Airwaves di Tom. Pensi che il nuovo disco andrà in quella direzione, continuando quella cosa, o pensi che la cambierà facendo qualcosa di completamente differente?
Per me, personalmente, ovviamente dobbiamo ancora andare in studio e discutere, ma lo vorrei spingere a essere più tagliente. Lo vorrei spingere a essere un po' più veloce, un po' più duro. Voglio ancora fare delle belle cose sperimentali, ma voglio che sia più tagliente.
Il mio disco preferito dei vostri è il disco Untitled, che è dove avete iniziato a giocherellare un po' di più con la struttura delle canzoni e con gli arrangiamenti e con tutte quel tipo di cose. Vuoi sperimentare ancora di più?
Sì. Non necessariamente fare un passo indietro, ma fare quello che stiamo facendo e continuare ad andare avanti e aggiungere un po' di più di angoscia.
Ho anche sentito che volete portare un produttore esterno per questo perché gli ultimi è stato come fare tutto in casa con voi e Chris Holmes. Cosa sperate di tirar fuori e a che punto siete arrivati nella ricerca?
Stiamo parlando con diversi produttori. A questo punto abbiamo una lista dei desideri di probabili sei produttori. Vogliamo avere diverse persone che entrano ed escono dallo studio per avere diverse impressioni. Non necessariamente utilizzare un solo produttore per tutto, sebbene siamo sicuramente aperti a questa possibilità, ma forse lavorando con tre o quattro per tutto il corso dell'album per le canzoni con tempi e umori diversi.
State cercando più produttori rock, produttori pop o produttori indie?
Tutti i differenti tipi. Stiamo cercando produttori rock. Stiamo cercando produttori indie. Stiamo cercando produttori pop, produttori hip-hop. Chiunque verrà e darà una boccata d'aria fresca su un'idea, saremo pronti a lavore con lui.
Su Neighborhoods non c'era una tonnellata di interazione vocale tra tu e Tom e sembrava che ce ne fosse un po' di più su Dogs Eating Dogs. È una cosa che volete incrementare nel nuovo disco?
Sì. Non penso che fosse una decisione consapevole su Neighborhoods di avere più canzoni separate rispetto al passato. Mi è sempre piaciuto quando usiamo entrambe le voci nelle canzoni perché la mia voce e la voce di Tom sono molto diverse. Penso che aggiungano diversi tessuti musicali alle canzoni e mi piace quando cantiamo nelle stesse canzoni. È un po' difficile quando si tratta di canzoni d'amore, perché quando hai un tizio che canta a un altro tizio non si traduce sempre molto bene, ma certe volte sì.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus