I blink-182 vogliono "togliervi i vestiti" con la nuova musica

MTV.com ha intervistato Tom DeLonge e Mark Hoppus per parlare dei prossimi piani dei blink-182, degli incontri con le case discografiche e del nuovo album.

I Blink stanno incontrando le etichette discografiche e stanno dipingendo nudi per preparsi a entrare in studio.

I Blink-182 stanno facendo delle riunioni.

Alcune di loro sono tradizionali, c'è la band con i propri manager seduti con i rappresentanti di varie etichette discografiche — la prima volta che lo hanno fatto da quando si sono divisi dalla Interscope l'anno scorso — e altri, beh, non sono state tenute esattamente all'interno di sale di rappresentanza.

"Quei concerti che abbiamo suonato erano degli incontri d'affari", ha detto ridendo. "Stiamo pensando di essere grandiosi, così abbiamo richiesto alcuni incontri d'affare. Questo è il modo più facile per farlo".

"Quando non siamo in tour o quando non stiamo lavorando direttamente assieme, perché viviamo molto lontani, parliamo di solito attraverso i messaggi o le e-mail; il lavoro inizia quando noi tre entriamo nella stanza e questo tour è per quello", ha aggiunto Mark Hoppus. "Solamente tornare nella routine di suonare assieme e rivederci, incontrare le case discografiche quando siamo qui a New York. In questo momento stiamo pianificando i prossimi 18 mesi dei Blink-182".

Questi 18 mesi vedranno quasi sicuramente della nuova musica dei Blink — Hoppus ha detto che il piano provvisorio è "preparare le demo alla fine di quest'anno, entrare in studio all'inizio dell'anno prossimo" — sebbene, dopo essersi auto-pubblicati il loro EP Dogs Eating Dogs alla fine del 2012, stanno pensando di tornare di nuovo con un'etichetta discografica ... alle loro condizioni, naturalmente.

"Sappiamo di aver bisogno di un gruppo [che lavora con noi] per avere qualcuno a cui rispondere, perché non siamo molto bravi a gestire grandi progetti", ha detto DeLonge. "Ma quando si tratta di scrivere una canzone che spacca e comportarci come se avessimo 14 anni, lo sappiamo fare molto bene. Quindi penso che le nostre opzioni sono ampie; essere con una casa discografica potrebbe essere la cosa migliore per noi".

"Ricordo, quando stavano realizzando l'EP, c'erano tanti momenti in cui Mark diceva: 'È fantastico; prendiamo una decisione e possiamo farla succedere domani!'. Non dovevamo avere il permesso per scrivere un dannato disco", ha continuato. "Ecco come funziona con una casa discografica. Tu dici che vuoi fare della nuova musica e poi loro devo andare alla riunione del consiglio d'amministrazione e vedere se hanno dei fondi da stanziare e verificare se andrà bene nel loro programma di pubblicazioni ... questa è una cosa che non vogliamo. Non abbiamo intenzioni di rinchiuderci in qualsiasi tipo di contenitore".

E questo include anche superare i confini dell'album tradizionale; i Blink non sono ancora sicuri se la loro nuova musica sarà un singolo autonomo, un EP o un album ... ma questa è un'altra cosa che stanno cercando di capire in queste "riunioni". E una volta che saranno arrivati a una soluzione, beh, il nuovo materiale comincerà ad arrivare veloce e frenetico. Oh, e con un'attenzione costante al tipo di materiale che hanno realizzato i Blink per più di due decenni.

"Una volta si comincia, si muove", ha detto DeLonge. "È come dipingere; devi iniziare con la prima pennellata, poi toglierti i vestiti, poi togliere i vestiti all'altra persona, fare delle piccole feci, iniziare a spalmarle in giro ... o, almeno, così è come dipingo io".

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus