I blink-182 suonano a Brooklyn un concerto di beneficenza per l'11 settembre

MTV.com ha intervistato Mark Hoppus e Tom DeLonge prima del concerto di beneficenza dei blink-182 a Brooklyn dell'11 settembre.

Non ci sono stati elogi funebri, solo pop-punk di prima qualità al concerto di beneficenza dei Blink per l'11 settembre.

Poche ore prima che i Blink-182 salissero sul palco del Music Hall di Williamsburg, Mark Hoppus stava ancora lavorando al suo piano per la serata. Era l'11 settembre, dopo tutto, e la sua band non era proprio conosciuta per gli elogi funebri. Quindi come avrebbero potuto ricordare l'occasione?

"Vogliamo solamente fare un concerto, sperando di portare un po' di gioia e di felicità e forse un po' di liberazione", ha detto a MTV News. "È un giorno abbastanza tremendo, quindi pensiamo che la gente possa beneficiare di un concerto dei Blink".

E Hoppus ha rispettato la sua parola. Perché mercoledì sera, i Blink hanno sventrato il piccolo club di Brooklyn, portando un po' di conforto a una città che ha ancora a che fare con gli attacchi terroristi di una dozzina di anni fa. Non ci sono stati momenti seri, solo il marchio brevettato dei Blink di un pop punk scatenato (e l'occasionale battuta sulla masturbazione). E basandoci sulla reazione del pubblico, era solo ciò che la città aveva bisogno.

Sì, dagli accordi iniziali di "Feeling This" agli impetuosi ritornelli di "Dammit", questi erano i Blink al loro meglio. Era un concerto di beneficenza — originariamente doveva essere un giorno in cui i Blink avrebbero dovuto incontrare delle etichette discografiche — ma non aveva niente dei soffocanti orpelli, sermoni o atteggiamento che di solito arrivano con questi tipi di concerti.

Invece l'eccezionale trio si è concentrato a suonare i successi, per la gioia dei ragazzi in platea. Hanno gridato insieme durante "Rock Show", fatto crowd surfing durante "Carousel" e pogato educatamente durante "What's My Age Again?". I Blink sembravano piacere in tutto, aggiungendo dettagli extra al loro rock senza orpelli: un finale spaziale in "Violence", un jam esteso in "I Miss You", ecc. Travis Barker ha suonato una versione breve dei suoi famosi assoli di batteria, Hoppus ha scherzato dicendo di non aver suonato alcuni accordi di una canzone (e poi ha suonato quegli accordi "per dare a tutti l'esperienza completa") e Tom Delonge si pavoneggiava e sbraitava.

"Up All Night" andava avanti veloce con un ritmo elettronico, "First Date" scottava e volava e "Josie" rimaneva arrogante come sempre. I Blink picchiano duro, sparano battute e continuano a dimostrare che, anche dopo vent'anni di carriera, sono rimasti tosti e spregiudicati come sempre.

Per riassumere, è stato un concerto classico, il tipo con cui è cresciuta una generazione. L'unica volta che l'11 settembre è entrato nella mente di qualcuno è stato quando il pubblico ha scandito "USA! USA!". I Blink non lo hanno menzionato, sebbene sembrava che fossero commossi a suonare in questa città, in questa data.

In precedenza Hoppus ci aveva detto che una dozzina di anni fa, i Blink stavano girando il video di "Stay Together For The Kids" quando sono avvenuti gli attacchi e si poteva vedere l'emozione sul suo volto mentre raccontava di aver acceso la televisione e visto le Torri cadere. Questo è stato il punto più profondo in cui lui o i suoi compagni di band sono arrivati durante il giorno; invece hanno scelto di migliorare l'umore della città e portare un po' di leggerezza alla giornata. E questo è stato sufficiente; non sono i tipi da elogio funebre, dopo tutto.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus