Mark Hoppus sul futuro dei blink-182: "Ora è un grande momento per la nostra band"

"Una band come i Pearl Jam, che fa tutto da sola, è un modello ideale per le band".

Adesso che le leggende del pop-punk del sud della California, i Blink-182, hanno dichiarato la loro indipendenza dall'ex etichetta discografica Interscope, il bassista e cantante della band Mark Hoppus dice che il trio è veramente eccitato per quello che avverrà.

“Siamo molto entusiasti. Ora è un grande momento per la nostra band”, ha detto Hoppus a CBS Local in un'intervista esclusiva da Londra, dove aveva appena partecipato alla premiere del nuovo film di James Bond, Skyfall. “Stiamo meglio tra di noi di quanto lo siamo stati negli ultimi anni. C'è una vera energia positiva ed entusiasmante tra noi tre. Avere una possibilità di diventare indipendenti dopo essere stati con una casa discografica per tutto questo tempo, 17 anni – è una posizione davvero bella in cui essere. Ora dobbiamo capire dove vogliamo andare, con chi vogliamo lavorare, cosa è meglio per noi come band. Se fare tutto questo con una casa discografica, se accordarci con una diversa compania, se accordarci con qualcuno, abbiamo il controllo del nostro destino”.

Mentre la band valuta le diverse opzioni professionali, hanno già iniziato a lavorare al prossimo album dei Blink-182 che segue quello pubblicato nel 2011, Neighborhoods.

“Abbiamo appena cominciato a lavorare e a scrivere. Tom (DeLonge) mi ha mandato all'inizio di questa settimana un'idea per una canzone che è molto cool”, ha detto Hoppus. “Sto scrivendo a casa mia a Londra e so che Travis (Barker) ha alcune idee, ma non abbiamo ancora avuto la possibilità di iniziare veramente a scrivere”.

“Inizieremo a scrivere tra la fine di quest'anno e l'inizio del prossimo e inizieremo a registrare veramente, con le virgolette intorno a veramente, a febbraio dopo che saremo tornati dall'Australia per il tour che faremo là”, ha continuato. “Idealmente uscirebbe alla fine del 2013, ma non puoi mai sapere quando entri in studio quando tempo ci voglia. Lasciati a noi stessi potremmo non finire mai di registrare un album, perché amiamo sperimentare e ci piace cambiare le cose per provare diverse idee. Alla fine abbiamo bisogno di qualcuno che ci dia una scadenza. Se ci date il tempo necessario per stare in studio, noi lo sprecheremo sicuramente”.

Sebbene Hoppus ha detto che i Blink-182 hanno semplicemente “seguito il proprio istinto” quando hanno deciso di far scadere il loro contratto con la Interscope, ha anche ammesso di guardare con ammirazione un particolare gruppo di Seattle per quanto riguarda il seguire le proprie regole nel mondo della musica.

“Una band come i Pearl Jam, che fa tutto da sola, è un modello ideale per le band”, ha detto con entusiasmo. “Sono sempre stati coerenti con se stessi e con i loro fan e hanno fatto cose grandiose stando fuori dal grande business. Vivono restando molto inosservati. Non si sente parlare molto dei Pearl Jam nella stampa pop principale, ma possono riepire le arene e gli stadi in quasi tutte le città del mondo. Loro sono un grande esempio di ciò che le band possono fare quando rimangono fedeli a se stessi”.
- Scott T. Sterling, CBS Local

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus