Tom DeLonge parla di Angels And Airwaves e blink-182 partendo dai Box Car Racer

Tom DeLonge è stato intervistato da Ultimate-Guitar.com e ha parlato di Angels And Airwaves, blink-182 e Box Car Racer. Ecco i punti principali dell'intervista:
  • I Box Car Racer sono stati il primo progetto musicale serio di Tom DeLonge al di fuori dei blink-182 e gli ha permesso di sperimentare molto.
  • Gli Angels And Airwaves sono la continuazione dei Box Car Racer anche perché c'è anche David Kennedy.
  • I Box Car Racer sono nati dal bisogno di Tom DeLonge di sperimentare qualcosa di nuovo per conto suo, anche se alcune loro canzoni sarebbero potuto essere benissimo dei blink-182.
  • Quando Tom DeLonge ha creato gli Angels And Airwaves non ha preso delle canzoni che aveva scritto in precedenza per i blink-182, ma ha solo recuperato alcune idee che aveva avuto ma che non aveva messo in atto.
  • Lo stile musicale di "We Don't Need To Whisper" è nato prendendo dei pezzi dei gruppi preferiti di Tom DeLonge, come Police, U2, Cure e Queen.
  • "The Adventure" è praticamente una canzone punk rock modificata a dovere ed è nata dall'esperienza di un suo amico che aveva appena divorziato. Questo amico gli spiegava come ci si sente quando si ama una persone e non si è ricambiati, allora Tom DeLonge ha voluto scrivergli una canzone che poi ha capito che stava scrivendo anche per sè stesso. Infatti durante quel periodo era in crisi per la lotta attraverso la stampa con i vecchi compagni dei blink-182 e perché molte persone lo odiavano per aver fatto sciogliere i blink-182. Dopo la pubblicazione della canzone (che un ragazzo aveva pubblicato per prima avendo intercettato una sua e-mail) gli si è aperto un nuovo mondo.
  • Negli Angels And Airwaves c'è un secondo chitarrista perché Tom DeLonge vuole essere più a contatto con il pubblico. Inoltre David Kennedy lo sprona ad essere sè stesso, lo aiuta nello scrivere le canzoni, amano gli stessi generi musicali e gli fa conoscere molta nuova musica.
  • Danny Lohner ha prodotto una o due canzoni di "We Don't Need To Whisper" e ha aiutato molto Tom DeLonge con la canzone "Distraction".
  • Con "I-Empire" Tom DeLonge ha imparato a portare gli Angels And Airwaves a un livello che non sia solo rock o solo musica d'atmosfera, ma un mix delle due cose.
  • Per Tom DeLonge realizzare una canzone epica significa scrivere una canzone confezionata con una forte struttura.
  • Matt Wachter è arrivato durante la registrazione di "I-Empire" sostituendo Ryan Sinn e si è legato subito con Tom DeLonge e David Kennedy. Inoltre è un grande musicista che suona perfettamente il basso e altri strumenti e sa fare molte cose che per aiutare la band.
  • Gli Angels And Airwaves sono un progetto multimediale che comprende le canzoni, gli interludi tra una canzone e l'altra, i short film, i film e le immagini grafiche.
  • Matt Wachter ha ideato molte parti di tastiere e dei suoni del sintetizzatore, come le parti di pianoforte e atmosferiche di "The Flight Of Apollo".
  • Il background musicale di Tom DeLonge è il pop-punk del sud della California, ma si ispira ad artisti come i Pink Floyd che da ragazzo non apprezzava.
  • "Love Part 2" è nato perché gli Angels And Airwaves sono completamente indipendenti e hanno voluto pubblicare il film "Love" insieme a un disco completo con le canzoni derivate dalla colonna sonora creata per il film.
  • La prima parte di "Love" è stata scaricata quasi un milione di volte senza marketing o canzoni in radio e quasi tutta la pubblicità è arrivata grazie ad iTunes che ha permesso loro di creare anche una graphic novel.
  • Oltre ad iTunes, gli Angels And Airwaves hanno utilizzato Modlife per vendere la propria musica e tutto il resto e questa piattaforma è utilizzata, tra gli altri, dai Pearl Jam e dai White Stripes.
  • In "One Last Thing" c'è una parte ritmica di chitarra e Tom DeLonge ha spiegato che non ha mai cercato di essere il miglior chitarrista al mondo, ma è sempre stato più interessato a scrivere le canzoni. Suonando come unico chitarrista dei blink-182 ha creato un proprio stile e ha cercato di fare cose che facessero sembrare che ci siano due chitarristi.
  • Tom DeLonge è passato da una chitarra priva di cassa armonica della Fender a una con la cassa armonica della Gibson perché gli piace di più anche se nel mondo punk forse solo lui e Tim Armstrong utilizzano una chitarra del genere.
  • "Behold A Pale Horse" si ispira ai Van Halen e inizia con una parte di piano elettronico e continua con dei suoni di brass e con la chitarra.
  • In "We Are All That We Are" c'è il primo grande assolo di chitarra di Tom DeLonge in una canzone e, anche se all'inizio era spaventato, ha poi cercato di capire come farlo.
  • Quando sono tornati assiemi i blink-182, volevamo registrare un nuovo album prendendosi tutto il tempo e i rischi necessari e non facendo come altre band che dopo che sono tornate assieme non hanno fatto nuovi album.
  • "Up All Night" comprende alcuni degli elementi progressive dei "nuovi" blink-182, come alcuni parti di tastiera.
  • "Up All Night" e "One Last Thing" sono due canzoni completamente diverse, ma sono state scritte sempre da Tom DeLonge e lui ha spiegato che, se si prende un riff dei blink-182 e gli si aggiungono alcuni effetti, può diventare benissimo una canzone degli Angels And Airwaves. Le differenze più grandi sono la lunghezza delle canzoni e dei vari intro e il numero di strumenti utilizzati.
  • Tom DeLonge ha prodotto sia "Neighborhoods" (con Mark Hoppus e Travis Barker) e "Love Part 2" e pensa che la differenza maggiore nell'approccio sia che nei blink-182 ogni componente ha dei gusti musicali diversi, mentre negli Angels And Airwaves si ha una visione comune per un tipo di musica.
  • Con un nuovo disco dopo la riunione i blink-182 hanno voluto mostrare la loro maturità visto che non erano riusciti a mostrarla pienamente prima dello scioglimento, come quando un ventenne pensa di essere un adulto mentre le persone più grandi di lui pensano che debba ancora crescere.
  • Per Tom DeLonge è difficile mantenere un alto livello di creatività sia con i blink-182 che con gli Angels And Airwaves, ma è una situazione che è nata perché non credeva che i blink-182 sarebbero mai tornati assieme dopo lo scioglimento. Infatti senza l'incidente aereo di Travis Barker, i blink-182 non sarebbero mai tornati assieme.

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus