L'odissea emotiva di Travis Barker

Travis Barker, il batterista super tatuato dei Blink-182, è quasi morto in un incidente aereo tre anni fa. Con una nuova prospettiva di vita e un nuovo album dei Blink-182, ‘Neighborhoods’, nei negozi da oggi, la rock star si è confidata sull'incidente, sulla perdita del suo migliore amico, DJ AM, e sul motivo per cui i Blink-182 sono tornati assieme.

Poco prima della mezzanotte del 19 settembre 2008, un Learjet con sei passeggeri partiva da Columbia, South Carolina, per arrivare a Van Nuys, California, quando qualcosa è andato terribilmente storto. I controllori del traffico aereo notarono delle scintille venire dall'aereo, mentre un testimone oculare vide che il veicolo avvolto dalle fiamme somigliava a una palla di fuoco. L'aereo scivolò per circa 400 yard dalla pista fino a un terrapieno che proteggeva un'autostrada da cinque corsie. Qualche attimo dopo vennero sentite delle urla spaventose di “Oh, mio dio!” provenienti dai due sopravvissuti che si stavano togliendo freneticamente il loro vestiti che stavano bruciando. Questi due furono poi identificati come Travis Barker, l'ex-batterista dei Blink-182, e il suo migliore amico, D.J. AM (vero nome: Adam Goldstein). Prima di essere trasportati a un centro ustionati della Georgia per le loro condizioni critiche, entrambi sono sfuggiti all'incidente che ustioni del secondo e terzo grado. Gli altri quattro passeggeri — l'assistente personale di Barker, un guardia del corpo e i due piloti — non sono stati così fortunati.

Prima dell'incidente, i due amici stavano collaborando a un progetto musicale chiamato TRV$DJAM e avevano appena suonato assieme a un evento gratuito sponsorizzato da T-Mobile davanti a migliaia di studenti del college.

“Ero in cima al mondo”, ha raccontato Barker a The Daily Beast. “Il mio obiettivo era quello di fare qualcosa con la mia batteria per cui non era necessario far parte di una band e l'ho realizzato con DJ AM. Poi è successo il nostro incidente aereo e pensavo: ‘Dannazione, sono in ospedale e stanno parlando di amputarmi il piede e pregavo i miei amici di venirmi a sparare’. Ero in un posto molto, molto brutto”.

Un rocker con la cresta, i piercing, gli occhi azzurri e quasi ogni centimetro della sua pelle coperto dai tatuaggi, Barker prese in mano la batteria quando sua madre, Gloria, gli comprò una batteria dei Muppets all'età di 6 anni. Secondo Barker, sua mamma — che sapeva suonare la batteria all'incirca come lui a quell'età — lo incoraggiava a dedicarsi alle percussioni invece dei suo altri hobby: skateboard e BMX. Poi, a 12 anni, pochi giorni di iniziare le scuole junior high, la perse a causa del cancro.

“A essere completamente onesto, avevo praticamente perso tutto”, ha detto Barker. “Quella fu la mia prima grande vera esperienza traumatica che mi accadde. Ho passato all'incirca un paio di anni e tentai il suicidio a 13 anni, solo per provare a trovare un modo per vedere ancora mia mamma. Ma tutte queste cose negative, mi hanno aiutato molto a portare avanti il sogno di mia madre”.
Nel 1993, a 18 anni, Barker si unì al gruppo punk The Aquabats. Cinque anni dopo, la band faceva da band di supporto ai Blink-182, che si erano imbarcati in un tour per tutta la nazione per promuovere il loro secondo disco di platino, Dude Ranch. A metà del tour, il batterista dei Blink Scott Raynor congedato dai compagni di band Mark Hoppus e Tom DeLonge a causa, si vociferava, di problemi con l'alcol, e chieserò a Barker di sostituirlo per il resto del tour. Secondo Barker, che lo descrisse come “incontrare una ragazza che aveva un fidanzato”, ebbe meno di un'ora per imparare tutte le canzoni dei Blink nel backstage prima del suo primo concerto e poi è sempre stato nella band da quel momento.

Armati con una nuova formazione e un suono più pop-punk, i Blink-182 salirono alla ribalta nazione con la pubblicazione del loro album del 1999 Enema of the State. Diventarono inaspettatamente idoli dei teenager grazie al programma di MTV che andava in onda dopo scuola Total Request Live, che sostenne il loro video per “What’s My Age Again?” dove la band correva nuda per le strade di una città. Personalmente Barker lamenta la trasformazione bizzarra che MTV ha avuto negli ultimi dieci anni.

“Non riesco più a vedere MTV”, ha detto Barker. “Ho capito che i reality show vanno di moda in questo momento, ma vorrei che fossero legati alla musica o qualcosa del genere. Credo che YouTube sia la nuova destinazione per i video musicali. Lì è dove vado io”.

Barker ha avuto il suo contatto con la fama dei reality nel 2005, con la moglie di quel momento, Shanna Moakler, nella serie di MTV Meet the Barkers, che raccontava la vita della coppia che cresceva i loro tre figli e la carriera musicale di Barker. Il programma andò in onda per 16 episodi in due stagioni, finchè decise di togliere la spina quando MTV consigliò di metterci più drammaticità tra lui e la Moakler.

Dopo che il programma smise di andare in onda, Barker divorziò da Moakler nel 2006. Le cose diventarono confuse, con ogni parte che pubblicava le proprie rimostranze su MySpace, e il batterista che ebbe un breve flirt con Paris Hilton che ha comportato un infame litigata tra Moakler e Hilton in un nightclub di Los Angeles. Nonostante quelle che venne raccontato durante gli anni, Barker e Moakler sono rimasti molto vicini.

“Non sono mai andato completamente avanti e avuto una nuova ragazza”, ha detto Barker. “Abbiamo avuto entrambi degli appuntamenti con diverse persone, ma siamo ancora nel momento in cui parliamo di avere altre figli. Se ci fosse una ragazza con cui vorrei avere dei figli, vorrei avere più figli con lei”.

All'incirca nel momento in cui partiva la serie TV di Barker nel 2005, i Blink-182 stavano passando dei momenti drammatici. Si diceva che le tensioni fossero sorte a causa di DeLonge, che aveva spostato la sua attenzione al suo side project, gli Angels & Airwaves. Dopo che DeLonge, a quel che si dice, si era rifiutato di partecipare a un concerto per aiutare le vittime dello tsunami del 2004, Barker e Hoppus esprimerono le loro lamentele e DeLonge se ne andò.

“È strano guardarsi indietro anni dopo”, ha detto Barker. “Non ci fu un solo evento che causò tutto. Era solo una questione di noi che lavoravamo molto ed eravamo molto in tour. La comunicazione peggiorò, ci facevano solo lavorare, nessuno parlava in questa band e si poteva tagliare la tensione per tanto quella merda era spessa”.

Poi arrivò l'incidente aereo. Mentre Barker era nel reparto ad aspettare che le sue ustioni di secondo e terzo grado sulle gambe e su parte del torso guarissero, ricevette una nota toccante scritta a mano da DeLonge con alcune sue foto con i suoi figli.

“Fino a quel momento, non avevo speranze per i Blink. Era una cosa che mi ero messo alle spalle”, ha detto Barker. “Il mio incidente ha sicuramente fatto in modo che tutti pensassero in un modo un po' più chiaro, specialmente io. Pensai: ‘Merda, se Dio mi dà un'opportunità e io sono ancora intero, significa che c'è un modo per continuare’”. Ha aggiunto: “È stato orribile che ci è voluto qualcosa come questo per farci svegliare, ma mi sono reso conto che la vita è corta! Stiamo litigando e non parlando per alcune stronzate e non c'è niente per cui continuare a litigare”.

Ai Grammy Awards del 2009, la band salì sul palco assieme per la prima volta dal 2004 per annunciare che i “Blink-182 sono tornati”. Il trio poi si imbarcò in un reunion tour per tutta la nazione a luglio con i Weezer e i Fall Out Boy. Comunque a metà del tour la tragedia tornò ancora una volta per Barker. Il suo miglior amico e collaboratore, DJ AM, morì per un'overdose accidentale il 28 agosto 2009.

“Adam era il mio migliore amico e uno dei miei pochi amici sobri che avevano un'influenza positiva su di me. Era colui con cui ero sopravvissuto, così era lui il tizio che era stato lasciato con me”, ha detto Barker. “Quando se ne è andato? Whoa. Mi sono rinchiuso e uscivo solo per fare i concerti. Non volevo lasciare gli hotel. Ero in una specie di merda alla Final Destination con degli spiriti molto cattivi. Ma allo stesso tempo, mi ricordo sempre quanto è stato positivo per me quando era vivo e di tutto quello che avrebbe voluto fare. Diceva sempre: ‘Trova qualcosa che ami, fallo gratuitamente e poi cerca un modo per essere pagato per farlo’. Quando mi guardo indietro penso che la persone che se ne è andata non può essere lui, perché il modo con cui se ne è andata non era da Adam”.

Il giorno che Barker scoprì della morte di Goldstein, stava lavorando alla canzone “Devil’s Got A Hold” del suo debutto da solista, Give the Drummer Some, che è uscito a marzo di quest'anno.

“Io e il mio amico Kevin abbiamo fatto assieme quel ritmo che è uno di quelli più pesanti”, ha detto Barker. “Ho dovuto lasciare la registrazione, perché lo scoprii in quel momento. Dissi: ‘È appena successa una brutta cosa e ci dobbiamo ritrovare tra un paio di settimane’. E dopo due settimane spedirono i loro versi. Penso che la canzone sia sicuramente ispirata a quel giorno”.

Con il suo album da solista che ha debuttato all'ottavo posto della classifica Billboard, un terzo album con il suo side project The Transplants in lavorazione, un nuovo album dei Blink-182 appena uscito — con un altro che lo seguirà, secondo Barker — e un tour gigantesco dei Blink in corso, forse il migliore batterista rock ancora in vita è in un posto molto diverso rispetto a quello di quei periodi bui.

“Voglio continuare a superare i limiti con la batteria ed esprimermi”, ha detto Barker. “E sono entusiasta di suonare le nuove canzoni [dei Blink] nei concerti. Non c'è nulla come andare là fuori e suonare della nuova musica. Questa è la cosa più entusiasmante per me”.

O come dicono loro, muovi quello che ti ha dato tua mamma.
- TheDailyBeast.com

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus