Blink-182: The Billboard Cover Story

È il 3 settembre e i Blink-182 stanno per suonare qualche inno arrogante e a fare qualche battuta sulla masturbazione durante il loro concerto all'USANA Amphitheatre di Salt Lake City. Ore prima del concerto, il bassista Mark Hoppus è seduto all'aperto con una maglietta nera e degli occhiali da sole dorati, bevendo una bottiglia d'acqua e parlando di un paio di brani che torcono le budella del nuovo album della band, "Neighborhoods".

"Non ho potuto", ha detto, "scrivere una canzone felice per questo disco".

Tutti invecchiano. Ma quando i Blink-182 -- la band che correva nuda nel proprio video per antonomasia (di "What's My Age Again?") e ha intitolato il suo quarto album del 2001 "Take Off Your Pants and Jacket" -- sono diventati così dannatamente seri?

"Come persone e artisti, abbiamo sicuramente ancora alcune cose di cui abbiamo bisogno per funzionare e abbiamo bisogno di crescere con loro", ha detto Hoppus, 39 anni, attraverso Skype. "[L'album] ha dei testi piuttosto pesanti in molti punti. Forse quello è dove siamo nelle nostre menti. Siamo passati attraverso molte cose durante gli ultimi anni. Siamo in un posto migliore grazie a tutto questo, ma abbiamo passato dei momenti di merda".

I fan pop-punk che stanno ancora canticchiando "What's My Age Again?" e "All the Small Things" non troveranno una singola ode allegra all'immaturità in "Neighborhoods" (che uscirà il 27 settembre tramite la DGC/Interscope). Oltre alle chitarre pungenti e squillanti e la batteria sfondata, i testi si soffermano sull'irrequietezza e i rimpianti. Il ritornello del primo singolo dell'album: "And all these demons/They keep me up all night".
Hoppus, il chitarrista Tom DeLonge e il batterista Travis Barker potrebbero aver fatto di "Neighborhoods" un album ancora più dark. La pausa a tempo indeterminato che è iniziata alla fine del 2004 è finita solo dopo che Barker è sopravvissuto a un incidente aereo in South Carolina il 19 settembre 2008. La tragedia ha mietuto quattro vite e ha lasciato il batterista in unità di terapia intensiva per mesi con delle ustioni gravi.

E quando i membri dei Blink-182 si sono riuniti nel 2009, hanno affrontato un futuro senza Jerry Finn, il loro produttore di lungo corso che è morto nel 2008 dopo aver sofferto un'emorragia al cervello. La band è anche tornata all'Interscope - la casa discografica che ha aiutato a vendere 2,2 milioni di copie del loro album del 2003, secondo Nielsen SoundScan. Questo dopo che il paesaggio delle case discografiche è stato alterato drasticamente. "L'etichetta stessa non ha le risorse o i capitali per fare quello che facevano di solito", ha detto DeLonge a proposito della situazione attuale dell'etichetta. "Vi hanno solo bloccati in un un contratto".

Ma gli ultimi otto anni hanno anche reso il trio del sud della California dei migliori compositori. "Neighborhoods" è facilmente l'album più difficile finora. E i membri hanno dimostrato che possono ancora attirare ancora un grande pubblico. Il tour del ritorno della band del 2009 in Nord America ha venduto il 93% dei biglietti disponibili, secondo Billboard Boxscore. Da allora i Blink-182 hanno avuto come partner AT&T e Best Buy e i membri hanno incorporato le loro iniziative d'affari personali, come Famous Stars and Straps e Macbeth Footwear, nella promozione per la band. Il video di "Up All Night", il primo singolo di "Neighborhoods", ha raccolto 2,3 milioni di visualizzazioni su YouTube nelle due settimane dopo il debutto online - la cosa più impressionante è che il video precedente della band era stato pubblicato prima che YouTube esistesse.

I Blink-182 si sono divisi quando il pop-punk era ancora in voga e la band pubblica "Neighborhoods" come un genere che non ha una rappresentazione tradizionale. I colleghi del gruppo hanno sperimentato un calo vertiginoso delle vendite. Secondo Nielsen SoundScan, i Good Charlotte hanno venduto 52.000 copie del loro album del 2011, "Cardiology" (Epic) dopo le 3,5 milioni di copie di "The Young and the Hopeless" del 2002, mentre l'ultimo dei Sum 41, "Screaming Bloody Murder" del 2011 (Island), ha venduto 36.000 copie, ben lungi dalle 1,9 milioni di vendite del successo del 2001, "All Killer, No Filler".

Tenendo conto dei numeri degli ultimi tour della band e delle vendite del singolo, il periodo tumultuoso dei Blink-182 fuori dalle scene potrebbe essere stata la cosa migliore per la loro sopravvivenza tra il grande pubblico. "Se prendete il tipo di rottura che hanno avuto, è stato il caso privilegiato in cui i vecchi fan sono rimasti coinvolti e il mito della band è cresciuto durante lo hiatus", ha detto Dennis Dennehy, vicepresidente esecutivo del marketing e della pubblicità alla Interscope Geffen A&M. "Sapevano quando fare un passo indietro e sapevano quando tornare".

'PENSAVO CHE STESSE PER MORIRE'

Alla fine del 2004 i Blink-182 avevano un album self-titled che aveva fruttato altre tre top 10 nella classifica Alternative Songs di Billboard ("Feeling This", "I Miss You" e "Down") e un tour estivo con i No Doubt che aveva reso complessivamente 8,5 milioni di dollari, secondo Billboard Boxscore. "Blink-182" aveva mostrato un lato dark e adulto della band e ha venduto 2,2 milioni di copie. Hoppus e Barker si stavano preparando un tour pianificato per la primavera del 2005 e avevano alcune idee per un nuovo album, ma DeLonge aveva bisogno di una lunga pausa per passare più tempo con la sua famiglia. Il tour fu annullato e DeLonge, frustrato per il rifiuto dei suoi compagni di band di prendersi una pausa, smise di parlare con loro.

I membri si concentrarono in fretta su dei side project: Hoppus e Barker formarono la band alternative rock +44. Il loro debutto del 2006, "When Your Heart Stops Beating", ha venduto 274.000 copie, mentre gli Angels & Airwaves di DeLonge ha venduto 589.000 copie dell'album del 2006 "We Don't Need to Whisper", secondo SoundScan. "Ero nella mentalità che i Blink non sarebbero mai tornati assieme", ha detto Barker, che ha anche registrato nel frattempo con il gruppo punk-rap Transplants e con DJ AM, "ed ero al capitolo successivo della mia vita".

Barker e DeLonge non si erano parlati per quasi quattro anni quando il Learjet 60 dove il batterista era a bordo fece un incidente durante il decollo a Columbia, South Carolina, nel 2008. Per coincidenza DeLonge stava salendo su un aereo in South Carolina con il resto degli Angels & Airwaves quando uscì la notizia; in pochi minuti stava piangendo sul suo sedile. "Pensavo che stesse per morire", ha detto DeLonge, che ha poi raggiunto velocemente il suo ex compagno di band. "Subito dopo l'incidente aereo pensavo: 'Hey, voglio suonare ancora con lui'".

IL RITORNO TANTO ATTESO DELLA BAND IN STUDIO

Il gruppo ha annunciato la propria riunione ai Grammy Awards del 2009 e Hoppus ha detto che tutti e tre erano d'accordo che i Blink-182 dovevano prima fare un tour e ripristinare la sintonia prima di fare della nuova musica. Con i biglietti che costavano da 20$ a 70$ e band di supporto come i Weezer e i Fall Out Boy, il tour nord americano della riunione del 2009 si concentrò negli anfiteatri e visitò solo sei arene nei 41 concerti riportati da Billboard Boxscore. Di quei concerti, la band ne fece 22 tutti esauriti e incassò 21,2 milioni di dollari. Il tour estivo dei Blink-182 del 2000, che seguiva la pubblicazione nel 1999 dell'album con più successo della band, "Enema of the State" (4,5 milioni di vendite, secondo Nielsen SoundScan), aveva biglietti da 20$ a 25$ ed entrò in 15 arene durante i 30 concerti, ma furono venduti l'80% dei biglietti e incassò 7 milioni di dollari.

Sebbene la band abbia avuro un grande trionfo portando in tour i suoi successi, il piano era sempre quello di ritornare con delle nuove canzoni, secondo Rick DeVoe, il manager dei Blink-182 dal 1993. "Sembrava la cosa giusta", ha detto, "per far vedere ai fan che: 'Siamo tornati, ci vorrà un minuto, ma i nostri piani sono di andare, fare un disco e nei due anni seguenti di fare dei tour per quel disco'".

Registrare un album ha dimostrato di essere molto più problematico che organizzare un tour per il ritorno. Invece di provare a cercare un sostituto per Finn, che Hoppus ha descritto come "il quarto membro invisibile dei Blink-182", hanno deciso di auto-prodursi il disco e di lavorare soprattutto nei propri studi privati. "Neighborhoods" è stato registrato di gran lena tra il tour negli Stati Uniti, un tour di 14 date in Europa nel 2010 e le varie imprese soliste. DeLonge ha pubblicato un nuovo album degli Angels & Airwaves, "Love", nel febbraio del 2010. Hoppus è diventato il presentatore di "Hoppus on Music" su Fuse lo scorso settembre. Barker ha pubblicato il suo primo album da solista rap-centrico, "Give the Drummer Some" (Interscope), lo scorso marzo prima di unirsi a Lil Wayne per il suo tour del 2011.

Sfortunatamente l'autonomia degli studi della band e i progetti personali rallentarono la registrazione. "Lavoravamo nei nostri studi, quindi non c'era la pressione del budget per l'album", ha detto Hoppus. Lo scorso aprile la band diramò un comunicato stampa che diceva che non volevano fare un "altro 'greatest hits' tour" e rinviarono il tour europeo del 2011 al 2012 per poter finire l'album. "Andarono avanti con il disco", ha detto Martin Kierszenbaum della Interscope, che ha fatto da consulente per l'album. "Si sentivano molto bene e si divertivano ancora e lo volevano finire".

Così l'etichetta discografica fissò il 31 luglio come ultimo giorno disponibile per i Blink-182 per consegnare il nuovo album. "La Geffen era un po' preoccuppata per l'imprevedibilità dei Blink", ha detto DeVoe. "C'erano molte voci su Internet: se i Blink avevano veramente intenzione di fare questo disco, sono solo tornati per il tour della riunione o per cosa. Dovevano fissare un data concreta che diceva: 'Dovete consegnarlo in questo momento o ci saranno delle penali'".

Mentre Dennehy non ha voluto commentare i singoli punti del contratto dei Blink con la Interscope e quale dividendo la band avrebbe ricevuto per "Neighborhoods", ha negato l'idea di qualsiasi ultimatum finanziario per un'eventuale ritardo della band.

"È una cosa che di solito facciamo... aiuta il processo creativo. Si lavora per una scadenza e si spera di rispettarla", ha detto. Allo stesso tempo Hoppus ha notato che la band non è stata infastidita dall'avere una data di scadenza. "La volevamo", ha detto. "Ne avevamo bisogno, perché ci avevamo già messo così troppo tempo a registrare che abbiamo dovuto rinviare il tour europeo. Non volevamo rinviare un altro tour. Volevamo avere il disco finito".

Il resto della traduzione è in arrivo.
- Billboard.com

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus