"Heart's All Gone" dei Blink-182: ritorno alle origini

La seconda canzone del prossimo album della band Neighborhoods è equalmente indebitato dai Blink classici e dal punk della West Coast.

È facile comparare la nuova "Heart's All Gone" dei Blink-182 con "Up All Night", la prima canzone che hanno pubblicato del loro prossimo album Neighborhoods, soprattutto perché le similitudini iniziano e finiscono proprio qui. Entrambe le canzoni sono della band e entrambe sono nel nuovo disco.

Forse, allora, è meglio contrastare le due canzoni, perché sono diverse in quasi ogni modo concepibile. "Up All Night" ha debuttato con tutti gli onori — sul sito della band e sulla radio di Los Angeles KROQ — ed è stata salutata allo stesso modo. "Heart's All Gone", d'altra parte, è stata presentata senza molto preavviso: solo un link veloce sulla pagina di Mark Hoppus su Google Plus che portava a un nuovo sito Web e una semplice istruzione di "Command the 'A'" (o, se utilizzate un PC, "CTRL + A").

Facendo così sul nuovo sito, naturalmente, si rivelava non solo il testo ma anche la canzone vera e propria. E questo è il momento in cui le differenze tra i due brani diventano davvero evidenti. Perché mentre "Up All Night" sintetizza tutte le imprese precedenti della band (Plus-44, Angels & Airwaves, Box Car Racer) in qualcosa di completamente nuovo, "Heart's All Gone" fa completamente l'opposto: è molto più un tuffo nel passato — sia dei Blink che della scena punk della West Coast che ha dato loro i natali.

Con le sue chitarre vertiginose, la voce urlata e la batteria a cascata, sembra qualcosa preso dall'album dei Blink del 1997 Dude Ranch (or Take Off Your Pants and Jacket del 2001), ma, allo stesso tempo, richiama anche i classici della West Coast, come Bad Religion, Pennywise o NOFX.

Inoltre, ha delle affinità anche con "Stockholm Syndrome" del loro album del 2003 e c'è una pausa strumentale abbastanza dark che sembra il sequel spirituale di "I Miss You" (o anche "Adam's Song", di Enema of the State). Sintetizzando, ha dei richiami del passato ... e, facendo così, dà ai fans dei cosiddetti "classic Blink" (per esempio, tutto quello precedente al momento in cui sono "diventati seri") una speranza. Diversamente da "Up All Night", non fa mistero di essere un ritorno al passato.

Naturalmente, viste le sue differenze con "Night", "Heart's All Gone" solleva anche una questione piuttosto interessante: sarà così il resto dell'album Neighborhoods? Può una band formata da tre uomini con gusti così diversi creare un album coesivo? O è anche questo il punto? Da quello che sembra, i nuovi Blink-182 potrebbero essere capaci di tutto: avere un ritmo hip-hop, grandi cori, chitarre dolci e dure ... come lo volete chiamare, ci sono possibilità che sia nell'album. Questo genere di cose rende l'attesa ancora più grande, non è vero?
- MTV.com

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus