I blink-182 sulle droghe, l'incidente di Barker: “La vita umata vince su tutto”

Il fatto che i Blink-182 stiano facendo il tutto esaurito con uno dei tour estivi più caldi è impressionante considerando che il trio ha subito una divisione amara quattro anni fa, Tom DeLonge ha lasciato il gruppo e ha cambiato il suo numero di telefono così che i compagni Mark Hoppus e Travis Barker non potessero raggiungerlo. È ancora più rimarchevole considerando che Barker ha rischiato di morire in un incidente aereo che ha ucciso due tra i suoi migliori amici e DeLonge è affondato in una dipendenza di antidolorifici che può descrivere come “insensata”.

Nel nuovo numero di Rolling Stone, Barker ha rivelato i dettagli a proposito dell'incidente del Learjet del settembre del 2008 che ha portato 16 interventi chirurgici, 48 ore di trasfusione di sangue e disordini post-traumatici per i primi tempi. “Aprivo una porta e le mie mani prendevano fuoco. Si sono bagnati immediatamente con il carburante del jet e prendevano fuoco. E poi stavo bruciando, correndo a tutta velocità”, ha raccontato a Gavin Edwards di Rolling Stone. “Stavo correndo per la mia famiglia”.

Blink-182’s Rock Show: Foto della band sul palco e non solo

Hoppus ha detto a RS che è stato avvisato dell'incidente di Barker da una telefonata nel mezzo della notte ed è saltato sul primo aereo disponibile per il centro ustionati. “Ti senti impotente e non puoi fare nulla se non stare lì per il tuo amico”, ha detto. DeLonge lo ha scoperto attraverso una TV che si trovava in un aeroporto mentre aspettava di prendere un aereo. È atterrato e ha spedito una lettera e due fotografie a Barker: una foto dei Blink a bordo di un sottomarino nel Medio Oriente e un'altra di lui e i suoi due figli. “Una era ‘Ti ricordi dove eravamo?’ e l'altra era ‘Qui è dove sono ora’” ha detto DeLonge. “Nessuno sapeva se Travis sarebbe sopravvissuto e se avrebbe potuto suonare ancora la batteria. È stato un buon momento per lasciare da parte la merda”.

Dopo che Barker ha lasciato l'ospedale, Hoppus ha detto che il trio “ha avuto due conversazioni a cuore aperto, aprendosi molto e dicendo molte cose, e dopo questo eravamo a posto e non ne abbiamo più parlato. Siamo ragazzi”. Ma la lezione degli ultimi quattro anni è stata chiara: “Quando la vita umana entra nell'equazione, vince su tutto”, ha aggiunto DeLonge.

La band ha passato due mesi in studio a lavorare su nuovo e vecchio materiale e ha completato una demo per il brano “Up All Night”. Quando si sono messi in marica per il loro tour, hanno iniziato a vendere 28.000 biglietti in mercati dove di solito ne vendevano 8.000 (leggete la nostra recensione alla prima data del tour a Las Vegas) e hanno scoperto che avevano un nuovo ruolo nella scena musicale, come uomini di stato più anziani del pop-punk.

Ma diventare più grandi e ingannare la morte non ha eliminato l'humor volgare della band. Ha detto DeLonge: “Quando suonano i Blink, non c'è nessuna differenza tra quello e qualcuno che si fa una lenta e fantstica masturbazione”.
- RollingStone.com

Commenta la notizia qui sotto o discutine sul forum.

comments powered by Disqus